Discussione:
urgente SCORRETTEZZA Aruba
(troppo vecchio per rispondere)
Ivan
2005-03-22 17:17:53 UTC
Permalink
volevo sottoporvi un problema che ho avuto e una richiesta per
uscirne.

L'Hosting per alcuni siti di clienti è stato acquistato su ARUBA
(a-rubà per gli "amici").
Ora mi è capitato che un cliente dietro diversi solleciti non
intendesse rinnovare con la ditta per la quale lavoro dominio e
manutenzione e hosting del sito (che noi abbiamo acquistato su ARUBA e
rivenduto a loro).
Si trattava di una piccola cifra, però hanno deciso di non pagare e
noi di non rinnovare alla scadenza lo spazio acquistato su ARUBA.

Ebbene cos'hanno pensato di fare questi? visto che noi non rinnovavamo
lo spazio, hanno spedito un'email all'intestatario del dominio (per
correttezza mettiamo sempre il cliente e non il nostro studio) che,
non sembrandogli vero, per 29 euro si sono così ritrovati con il loro
bel sito ancora attivo.
Temo inoltre che questi di aruba abbiamo inviato le nostre username e
password per gestire lo spazio (in quanto ora riesco ancora ad
accedere con quelle che ho), così teoricamente questi possono accedere
a tutti i siti da noi gestiti.

Che cosa ne pensate?
A parte la scorrettezza e la poca serietà di Aruba, cosa si può fare?
Se fanno così con tutti i loro clienti c'è poco da stare tranquilli.

Eliminare i files (di nostra proprietà, perchè il contratto con il
cliente prevede la visibilità del sito da rinnovare di anno in anno)
dall'account è lecito secondo voi?

Ivan
Cooper
2005-03-22 17:40:31 UTC
Permalink
Post by Ivan
volevo sottoporvi un problema che ho avuto e una richiesta per
uscirne.
L'Hosting per alcuni siti di clienti è stato acquistato su ARUBA
(a-rubà per gli "amici").
Ora mi è capitato che un cliente dietro diversi solleciti non
intendesse rinnovare con la ditta per la quale lavoro dominio e
manutenzione e hosting del sito (che noi abbiamo acquistato su ARUBA e
rivenduto a loro).
Si trattava di una piccola cifra, però hanno deciso di non pagare e
noi di non rinnovare alla scadenza lo spazio acquistato su ARUBA.
Ebbene cos'hanno pensato di fare questi? visto che noi non rinnovavamo
lo spazio, hanno spedito un'email all'intestatario del dominio (per
correttezza mettiamo sempre il cliente e non il nostro studio) che,
non sembrandogli vero, per 29 euro si sono così ritrovati con il loro
bel sito ancora attivo.
Temo inoltre che questi di aruba abbiamo inviato le nostre username e
password per gestire lo spazio (in quanto ora riesco ancora ad
accedere con quelle che ho), così teoricamente questi possono accedere
a tutti i siti da noi gestiti.
Che cosa ne pensate?
A parte la scorrettezza e la poca serietà di Aruba, cosa si può fare?
Se fanno così con tutti i loro clienti c'è poco da stare tranquilli.
Eliminare i files (di nostra proprietà, perchè il contratto con il
cliente prevede la visibilità del sito da rinnovare di anno in anno)
dall'account è lecito secondo voi?
Datti una calmata, non ce nessuna scorrettezza, solo parecchia ingenuità da
parte tua.
Nessuna scorrettezza perchè, se il dominio è intestato a loro, loro hanno il
sacrosanto diritto di accedervi alla gestione del dominio salvo diversi
accordi contrattuali.
Avete fatto un contratto scritto? se la risposta è no, cazzi vostri :))

Ingenuità perchè? semplice, perchè ogni dominio se appartenente a un
cliente, deve avere i codici separati dagli altri domini.
Non lo avete fatto? Cazzi vostri ancora una volta :))

Per farla breve, che vi serva di esperienza, cosi evitate di improvvisare.
Poi se scegliete aruba, beh a basso prezzo cosa volete aspettarvi?
Daltraparte, nel momento in cui intestate il dominio al cliente, voi non
siete più intermediari e aruba è legittimata a comunicare solo ed
esclusivamente con l'intestatario del dominio e non con voi.
Chi siete voi per quel dominio intestato al cliente per aruba? praticamente
nessuno! Quindi come vedi non c'è motivo di sparare allo scandalo o alla
scorrettezza.
Perchè di scorrettezze proprio non ce ne.

Cooper.
--
BlueWare Web Agency
[http:] www.blueware.it
[msn:] ***@blueware.it
[icq:] 146781935
Cla!
2005-03-22 17:47:58 UTC
Permalink
Post by Cooper
Datti una calmata, non ce nessuna scorrettezza, solo parecchia ingenuità da
parte tua.
Nessuna scorrettezza perchè, se il dominio è intestato a loro, loro hanno il
sacrosanto diritto di accedervi alla gestione del dominio salvo diversi
accordi contrattuali.
Cooper cooper ... adesso ti spiego una cosa, i post si leggono Prima di
rispondere e non dopo. Loro hanno comprato l'hosting a nome loro
(fatturina a loro) e intestato il dominio al cliente, procedura
correttissima. Dunque nessuna ingenuità.
Post by Cooper
Avete fatto un contratto scritto? se la risposta è no, cazzi vostri :))
Scusa ma che parte non hai capito di "(di nostra proprietà, perchè il
contratto con il cliente prevede la visibilità del sito da rinnovare di
anno in anno)" ...

Dai, adesso ripeti 100 volte con me:

Prima di rispondere leggerò i post
Prima di rispondere leggerò i post
Prima di rispondere leggerò i post
Prima di rispondere leggerò i post
Prima di rispondere leggerò i post
...

;-)

Saluti
Claudio
--
http://www.docebolms.org :: E-learning open source

Errare e' umano, ma per fare veramente casino serve la password di root.
Cooper
2005-03-22 18:53:15 UTC
Permalink
Post by Cla!
Post by Cooper
Datti una calmata, non ce nessuna scorrettezza, solo parecchia ingenuità
da parte tua.
Nessuna scorrettezza perchè, se il dominio è intestato a loro, loro hanno
il sacrosanto diritto di accedervi alla gestione del dominio salvo
diversi accordi contrattuali.
Cooper cooper ... adesso ti spiego una cosa, i post si leggono Prima di
rispondere e non dopo. Loro hanno comprato l'hosting a nome loro
(fatturina a loro) e intestato il dominio al cliente, procedura
correttissima. Dunque nessuna ingenuità.
Post by Cooper
Avete fatto un contratto scritto? se la risposta è no, cazzi vostri :))
Scusa ma che parte non hai capito di "(di nostra proprietà, perchè il
contratto con il cliente prevede la visibilità del sito da rinnovare di
anno in anno)" ...
Prima di rispondere leggerò i post
Prima di rispondere leggerò i post
Prima di rispondere leggerò i post
Prima di rispondere leggerò i post
Prima di rispondere leggerò i post
...
Me lo dici proprio te che prima hai gettato la pietra e dopo ritirato la
mano :)))
Cooper.
--
BlueWare Web Agency
[http:] www.blueware.it
[msn:] ***@blueware.it
[icq:] 146781935
Cla!
2005-03-22 20:04:03 UTC
Permalink
Post by Cooper
Me lo dici proprio te che prima hai gettato la pietra e dopo ritirato la
mano :)))
Cooper.
Moi? Ma se sono coerente e cristallino :-D
P.S Per il cms turistico non mi sovviene più che cosa era ...
Cla!
--
http://www.docebolms.org :: E-learning open source

Errare e' umano, ma per fare veramente casino serve la password di root.
Ivan
2005-03-22 17:56:24 UTC
Permalink
Post by Cooper
Post by Ivan
volevo sottoporvi un problema che ho avuto e una richiesta per
uscirne.
L'Hosting per alcuni siti di clienti è stato acquistato su ARUBA
(a-rubà per gli "amici").
Ora mi è capitato che un cliente dietro diversi solleciti non
intendesse rinnovare con la ditta per la quale lavoro dominio e
manutenzione e hosting del sito (che noi abbiamo acquistato su ARUBA e
rivenduto a loro).
Si trattava di una piccola cifra, però hanno deciso di non pagare e
noi di non rinnovare alla scadenza lo spazio acquistato su ARUBA.
Ebbene cos'hanno pensato di fare questi? visto che noi non rinnovavamo
lo spazio, hanno spedito un'email all'intestatario del dominio (per
correttezza mettiamo sempre il cliente e non il nostro studio) che,
non sembrandogli vero, per 29 euro si sono così ritrovati con il loro
bel sito ancora attivo.
Temo inoltre che questi di aruba abbiamo inviato le nostre username e
password per gestire lo spazio (in quanto ora riesco ancora ad
accedere con quelle che ho), così teoricamente questi possono accedere
a tutti i siti da noi gestiti.
Che cosa ne pensate?
A parte la scorrettezza e la poca serietà di Aruba, cosa si può fare?
Se fanno così con tutti i loro clienti c'è poco da stare tranquilli.
Eliminare i files (di nostra proprietà, perchè il contratto con il
cliente prevede la visibilità del sito da rinnovare di anno in anno)
dall'account è lecito secondo voi?
Datti una calmata, non ce nessuna scorrettezza, solo parecchia ingenuità da
parte tua.
Nessuna scorrettezza perchè, se il dominio è intestato a loro, loro hanno il
sacrosanto diritto di accedervi alla gestione del dominio salvo diversi
accordi contrattuali.
ti invito a rileggere quanto ho scritto.
Il dominio è intestato a loro, e loro infatti possono usarlo come e
quando vogliono, anche con altre ditte... ma non l'hosting che è stato
fatturato alla mia ditta (riesci a seguire il discorso?)
Post by Cooper
Avete fatto un contratto scritto? se la risposta è no, cazzi vostri :))
rileggi.
Post by Cooper
Ingenuità perchè? semplice, perchè ogni dominio se appartenente a un
cliente, deve avere i codici separati dagli altri domini.
Non lo avete fatto? Cazzi vostri ancora una volta :))
no i codici non sono del dominio, ma sono legati all'hosting (che fa
capo ad un contatto amministrativo, ovvero alla mia ditta, P.IVA ....
etc...).
E' come se tu acquistassi in housing un server e rivendessi gli spazi
e poi la ditta a scadenza del tuo contratto, anzichè avvisare te, si
rivolgesse direttamente al cliente proponendogli con 30 euro di
rinnovare il tutto (mentre tu... magari ne chiedevi 35 e loro ti
davano del ladro).
Post by Cooper
Per farla breve, che vi serva di esperienza, cosi evitate di improvvisare.
Poi se scegliete aruba, beh a basso prezzo cosa volete aspettarvi?
solo su questo posso darti ragione, anche se la correttezza e l'onesta
non dovrebbe avere "un costo" in più da pagare.
Post by Cooper
Daltraparte, nel momento in cui intestate il dominio al cliente, voi non
siete più intermediari e aruba è legittimata a comunicare solo ed
esclusivamente con l'intestatario del dominio e non con voi.
ma fammi il piacere !!!!
e poi sarei io l'ingenuo!!! ti rendi conto di cosa hai scritto?

e voi cosa fate?
intestate i domini a voi ? beh ancora meglio !!!
Post by Cooper
Chi siete voi per quel dominio intestato al cliente per aruba? praticamente
nessuno! Quindi come vedi non c'è motivo di sparare allo scandalo o alla
chi siamo noi?
... mmm... siamo solo quelli che hanno pagato la fattura e che hanno
comprato una decina di pacchetti di hosting...
Post by Cooper
scorrettezza.
Perchè di scorrettezze proprio non ce ne.
già

Ivan
Cooper
2005-03-22 18:48:02 UTC
Permalink
<cut>

<Quoto>
Post by Ivan
Ebbene cos'hanno pensato di fare questi? visto che noi non rinnovavamo
lo spazio, hanno spedito un'email all'intestatario del dominio (per
correttezza mettiamo sempre il cliente e non il nostro studio)
</Quoto>

Qual'è il problema? il dominio è intestato al cliente, perchè aruba dovrebbe
mandare l'email a te? Trovo sia piuttosto normale che la invii al cliente.


<quoto>
Post by Ivan
Temo inoltre che questi di aruba abbiamo inviato le nostre username e
password per gestire lo spazio (in quanto ora riesco ancora ad
accedere con quelle che ho), così teoricamente questi possono accedere
a tutti i siti da noi gestiti.
</quoto>
Se riescono ad accedere a tutti i siti che avete voi, significa che il
dominio è stato associato al vostro hosting e non a un hosting riservato al
cliente.
SE aruba associa un dato username/password a un dominio e questo
username/password è uguale allo spazio web associato al dominio è chiaro che
se gli mandano username/password relativi al loro dominio automaticamente
questi hanno accesso al vostro hosting che comprende anche gli altri domini.
Il problema qui non è di aruba.


<quoto>
Post by Ivan
no i codici non sono del dominio, ma sono legati all'hosting (che fa
capo ad un contatto amministrativo, ovvero alla mia ditta, P.IVA ....
etc...).
</quoto>
perfetto, e i codici del dominio sono gli stessi del vostro hosting? Se la
risposta è si, è chiaro che l'errore è stato fatto da voi, che avreste
dovuto differenziarli.
Post by Ivan
Post by Cooper
Daltraparte, nel momento in cui intestate il dominio al cliente, voi non
siete più intermediari e aruba è legittimata a comunicare solo ed
esclusivamente con l'intestatario del dominio e non con voi.
ma fammi il piacere !!!!
e poi sarei io l'ingenuo!!! ti rendi conto di cosa hai scritto?
E mi spiace, qui hai torto in pieno, aruba prende come contatto
l'intestatario del dominio per ogni comunicazione.
Quindi anima in pace.
Post by Ivan
e voi cosa fate?
intestate i domini a voi ? beh ancora meglio !!!
Se il cliente non ha nulla in contrario il dominio lo intesto a nome mio,
fermo restando che riconosco la titolarità del dominio al cliente attraverso
un contratto.
Quando il cliente risolve il contratto lo trasferisco al cliente.
Oltre che a evitare problemi di natura tecnica garantisce anche.
Post by Ivan
Post by Cooper
Chi siete voi per quel dominio intestato al cliente per aruba?
praticamente
nessuno! Quindi come vedi non c'è motivo di sparare allo scandalo o alla
chi siamo noi?
... mmm... siamo solo quelli che hanno pagato la fattura e che hanno
comprato una decina di pacchetti di hosting...
Embè? Se aruba ha voluto contattare il cliente qual'è il problema? io non e
vedo.
Posso capire che abbia sbagliato a fornire i codici di accesso all'hosting
dove tenete gli altri domini, ma questo è un altro discorso.


Cooper.
--
BlueWare Web Agency
[http:] www.blueware.it
[msn:] ***@blueware.it
[icq:] 146781935
Ivan
2005-03-22 19:00:41 UTC
Permalink
Post by Cooper
Qual'è il problema? il dominio è intestato al cliente, perchè aruba dovrebbe
mandare l'email a te? Trovo sia piuttosto normale che la invii al cliente.
il cliente non è l'intestatario del dominio, ma la ditta o società
alla quale è stata inviata fattura e che ha regolarmente provveduto a
saldare.
Loro infatti al momento dell'acquisto chiedono chiaramente quali sono
i contatti amministrativi e quelli relativi alla fatturazione...
contatti che possono essere differenti dal titolare del dominio.

Ti sembra normale che il rinnovo eseguito (a mia insaputa)
dall'intestatario del dominio, venga poi fatturato a me !!!!
Ho visto poco fa che sul sito è presente la fattura.

E chi dovrebbe scaricare la fattura ?
Post by Cooper
<quoto>
Post by Ivan
Temo inoltre che questi di aruba abbiamo inviato le nostre username e
password per gestire lo spazio (in quanto ora riesco ancora ad
accedere con quelle che ho), così teoricamente questi possono accedere
a tutti i siti da noi gestiti.
</quoto>
Se riescono ad accedere a tutti i siti che avete voi, significa che il
dominio è stato associato al vostro hosting e non a un hosting riservato al
cliente.
non è così... non so se conosci come funziona aruba.
Ad ogni cliente viene assegnato un codice cliente, e quando si
vogliono acquistare altri domini collegati a spazi, bisogna usare quel
codice cliente e password associata.
I codici non sono associati ad un hosting, ma ad un cliente; quindi
chi acquita il dominio e spazio non è il titolare del dominio, ma il
cliente, chiaramente identificato da Aruba.

Se tu acquisti spazio da un Internet Provider, e poi lo frazioni
rivendendolo... ti sembra normale poi che questo IP vada a contattare
alla scadenza i tuoi clienti chiedendo loro di rinnovare il contratto,
nel caso in cui i clienti non intendano farlo con te?

Io non parlo del dominio, ma del rinnovo del contratto (che comprende
anche il dominio).

Se Aruba avesse fatto scadere il contratto, chiuso l'account e poi
chiesto al cliente di acquistarne uno nuovo da loro mantenendo il
dominio allora mi sarebbe stato bene, ma loro hanno fatto RINNOVARE IL
MIO CONTRATTO al cliente !!!!

[cut]
Post by Cooper
<quoto>
Post by Ivan
no i codici non sono del dominio, ma sono legati all'hosting (che fa
capo ad un contatto amministrativo, ovvero alla mia ditta, P.IVA ....
etc...).
</quoto>
perfetto, e i codici del dominio sono gli stessi del vostro hosting? Se la
risposta è si, è chiaro che l'errore è stato fatto da voi, che avreste
dovuto differenziarli.
no... non ci sono codici per l'hosting e codici per il dominio.
ogni pacchetto "hosting+dominio" ha il codice del cliente che lo
acquista
Post by Cooper
Se il cliente non ha nulla in contrario il dominio lo intesto a nome mio,
fermo restando che riconosco la titolarità del dominio al cliente attraverso
un contratto.
Quando il cliente risolve il contratto lo trasferisco al cliente.
Oltre che a evitare problemi di natura tecnica garantisce anche.
mmm... magari tu poi ti comporterai correttamente, ma in questa
situazione molti altri (e ne conosco diversi esempi) fanno
ostruzionismo per mandare per le lunghe il procedimento di
trasferimento.
Post by Cooper
Post by Ivan
chi siamo noi?
... mmm... siamo solo quelli che hanno pagato la fattura e che hanno
comprato una decina di pacchetti di hosting...
Embè? Se aruba ha voluto contattare il cliente qual'è il problema? io non e
vedo.
Posso capire che abbia sbagliato a fornire i codici di accesso all'hosting
dove tenete gli altri domini, ma questo è un altro discorso.
il problema è che il cliente per Aruba dovrei essere io e non il
titolare del dominio !!

ciao
Ivan
Cooper
2005-03-22 20:11:04 UTC
Permalink
Post by Ivan
il cliente non è l'intestatario del dominio, ma la ditta o società
alla quale è stata inviata fattura e che ha regolarmente provveduto a
saldare.
Hai detto te, che il dominio è registrato a nome del cliente o no? quindi
egli è l'intestatario (owner) del dominio, te invece sei colui che tiene la
fatturazione (billing-c)
Post by Ivan
Loro infatti al momento dell'acquisto chiedono chiaramente quali sono
i contatti amministrativi e quelli relativi alla fatturazione...
contatti che possono essere differenti dal titolare del dominio.
Esatto, te hai contatti relativi alla fatturazione, quelli amministrativi
sono del cliente che tiene il suo dominio (egli è admin-c del dominio).
Post by Ivan
Ti sembra normale che il rinnovo eseguito (a mia insaputa)
dall'intestatario del dominio, venga poi fatturato a me !!!!
Ho visto poco fa che sul sito è presente la fattura.
Il rinnovo viene fatto a chi risulta come admin-c, viene fatturato invece a
chi risulta come billing-c.
Post by Ivan
E chi dovrebbe scaricare la fattura ?
chi risulta come billing-c.
Post by Ivan
non è così... non so se conosci come funziona aruba.
Ad ogni cliente viene assegnato un codice cliente, e quando si
vogliono acquistare altri domini collegati a spazi, bisogna usare quel
codice cliente e password associata.
I codici non sono associati ad un hosting, ma ad un cliente; quindi
chi acquita il dominio e spazio non è il titolare del dominio, ma il
cliente, chiaramente identificato da Aruba.
Ok, io personalmente non ho a che fare con aruba, ho assunto un
comportamento similare a molti altri, ma evidentemente loro vanno a modo
loro.
Post by Ivan
Se tu acquisti spazio da un Internet Provider, e poi lo frazioni
rivendendolo... ti sembra normale poi che questo IP vada a contattare
alla scadenza i tuoi clienti chiedendo loro di rinnovare il contratto,
nel caso in cui i clienti non intendano farlo con te?
Non è normale. Però l'internet provider avvisa il cliente del dominio in
scadenza. che poi il cliente se lo rinnova per i fatti suoi è un altro
discorso.
Post by Ivan
Io non parlo del dominio, ma del rinnovo del contratto (che comprende
anche il dominio).
Il contratto riguarda te e il cliente, ma il dominio essendo a nome del
cliente riguarda aruba e il cliente (questo salvo diversi accordi).
Post by Ivan
Se Aruba avesse fatto scadere il contratto, chiuso l'account e poi
chiesto al cliente di acquistarne uno nuovo da loro mantenendo il
dominio allora mi sarebbe stato bene, ma loro hanno fatto RINNOVARE IL
MIO CONTRATTO al cliente !!!!
Loro non hanno fatto rinnovare il tuo contratto :) non hanno titolo e non
possono materialmente farlo.
Evidentemente il cliente (admin-c) ha pagato loro direttamente e ha mandato
la fattura a chi risulta come billing-c.
Post by Ivan
no... non ci sono codici per l'hosting e codici per il dominio.
ogni pacchetto "hosting+dominio" ha il codice del cliente che lo
acquista
ok
Post by Ivan
mmm... magari tu poi ti comporterai correttamente, ma in questa
situazione molti altri (e ne conosco diversi esempi) fanno
ostruzionismo per mandare per le lunghe il procedimento di
trasferimento.
purtroppo questo è vero, non sono tutti santi.
Post by Ivan
il problema è che il cliente per Aruba dovrei essere io e non il
titolare del dominio !!
Ma infatti sei te il cliente per aruba, tanto è vero che la fattura l'ha
mandata a te.
Il titolare del dominio è stato avvisato della scadenza del dominio.
Per dirla tutta, se non lo avesse fatto aruba, lo avrebbe fatto il NIC,
inviando al tuo cliente la raccomandata in cui si faceva presente della
scadenza e in cui si invitava a rinnovarlo in questo caso presso aruba.
Aruba insomma ha adempiuto a un obbligo imposto dal nic, ovvero, l'obbligo
che i provider devono avvisare gli admin-c delle scadenze dei propri domini.


Ciao
Cooper.
--
BlueWare Web Agency
[http:] www.blueware.it
[msn:] ***@blueware.it
[icq:] 146781935
artev
2005-03-22 23:30:54 UTC
Permalink
Post by Cooper
Aruba insomma ha adempiuto a un obbligo imposto dal nic, ovvero, l'obbligo
che i provider devono avvisare gli admin-c delle scadenze dei propri domini.
quindi aruba ha agito in modo regolare per quanto riguardo avvisare il
titolare del dominio del rinnovo da fare;
pero' il webmaster non ha autorizzato nè il cliente ne aruba a usare il suo
disco fisso per far funzionare il sito con quel nome di dominio;
mentre a ruba invece gli ha dato le "chiavi" per poter usare lo spazio sul
disco che invece è riservato al solo webmaster;
se questo è un illecito (causato non so per quale motivo) non è sufficiente
per il webmaster far presente questo ad aruba e risolvere velocemente il
caso?
quindi il webmaster si tiene il suo spazio fisico e il cliente il suo nome
di dominio.
Cooper
2005-03-22 23:38:33 UTC
Permalink
Post by artev
Post by Cooper
Aruba insomma ha adempiuto a un obbligo imposto dal nic, ovvero, l'obbligo
che i provider devono avvisare gli admin-c delle scadenze dei propri domini.
quindi aruba ha agito in modo regolare per quanto riguardo avvisare il
titolare del dominio del rinnovo da fare;
pero' il webmaster non ha autorizzato nè il cliente ne aruba a usare il suo
disco fisso per far funzionare il sito con quel nome di dominio;
mentre a ruba invece gli ha dato le "chiavi" per poter usare lo spazio sul
disco che invece è riservato al solo webmaster;
se questo è un illecito (causato non so per quale motivo) non è sufficiente
per il webmaster far presente questo ad aruba e risolvere velocemente il
caso?
quindi il webmaster si tiene il suo spazio fisico e il cliente il suo nome
di dominio.
Ammesso che sia cosi, sarebbe logico informare della cosa aruba e
ripristinare il pasticcio creato (possono essere errori fatti in buona
fede).
Tuttavia, io esprimo forti dubbi sul fatto che le cose stiano effettivamente
cosi, in questo momento abbiamo sentito solo una parte (lesa) ma non l'altra
(aruba).
La parte lesa, chiaramente cerca di girare le cose in suo favore... ok aruba
farebbe lo stesso chiaro, ma chi deve esprimersi DOVREBBE valutare con
imparzialità dopo aver sentito entrambi.
Cooper.
--
BlueWare Web Agency
[http:] www.blueware.it
[msn:] ***@blueware.it
[icq:] 146781935
Ivan
2005-03-23 00:58:12 UTC
Permalink
Post by Cooper
Ammesso che sia cosi, sarebbe logico informare della cosa aruba e
ripristinare il pasticcio creato (possono essere errori fatti in buona
fede).
certo.
Ovviamente ho contattato Aruba e attendo una loro risposta.
Spero che davvero sia stato un malinteso... in questo caso vi farò
sapere.

Ivan
artev
2005-03-22 23:14:51 UTC
Permalink
Post by Ivan
il cliente non è l'intestatario del dominio, ma la ditta o società
alla quale è stata inviata fattura e che ha regolarmente provveduto a
saldare.
qui dici che il cliente non è l'intestatario del dominio
Post by Ivan
Loro infatti al momento dell'acquisto chiedono chiaramente quali sono
i contatti amministrativi e quelli relativi alla fatturazione...
contatti che possono essere differenti dal titolare del dominio.
Ti sembra normale che il rinnovo eseguito (a mia insaputa)
dall'intestatario del dominio,
qui dici che il cliente è invece intestatario del dominio;

puoi chiarire ?
Ivan
2005-03-23 00:44:23 UTC
Permalink
Post by artev
Post by Ivan
il cliente non è l'intestatario del dominio, ma la ditta o società
alla quale è stata inviata fattura e che ha regolarmente provveduto a
saldare.
qui dici che il cliente non è l'intestatario del dominio
Esatto.
A mio avviso il cliente è l'acquirente del dominio+hosting (che non
corrisponde all'intestatario del dominio, in quanto non è a questo che
viene fatturato l'ordine, e non è questo che salda direttamente la
fattura ad aruba).
Post by artev
Post by Ivan
Loro infatti al momento dell'acquisto chiedono chiaramente quali sono
i contatti amministrativi e quelli relativi alla fatturazione...
contatti che possono essere differenti dal titolare del dominio.
Ti sembra normale che il rinnovo eseguito (a mia insaputa)
dall'intestatario del dominio,
qui dici che il cliente è invece intestatario del dominio;
puoi chiarire ?
infatti, questo è a mio avviso il problema.
Il rinnovo doveva essere eseguito dalla web agency che ha acquistato
il pacchetto dominio-hosting (non sono separabili) e che per
correttezza aveva intestato il dominio al proprio cliente (non di
aruba).

come ho già scritto in un altro post, non avrei avuto nulla da ridire
se aruba avesse contattato l'intestatario del dominio DOPO aver chiuso
il nostro contratto e proponendogli uno spazio+dominio (ma non con i
nostri files).

Ivan
Ivan
2005-03-23 00:52:29 UTC
Permalink
Post by artev
Post by Ivan
il cliente non è l'intestatario del dominio, ma la ditta o società
alla quale è stata inviata fattura e che ha regolarmente provveduto a
saldare.
qui dici che il cliente non è l'intestatario del dominio
correggo intendevo l'intestatario dell'ordine del pacchetto
dominio-hosting (quindi il cliente).
Post by artev
Post by Ivan
Loro infatti al momento dell'acquisto chiedono chiaramente quali sono
i contatti amministrativi e quelli relativi alla fatturazione...
contatti che possono essere differenti dal titolare del dominio.
Ti sembra normale che il rinnovo eseguito (a mia insaputa)
dall'intestatario del dominio,
qui dici che il cliente è invece intestatario del dominio;
il cliente (il NOSTRO cliente) è intestatario del dominio

ciao
Ivan
Cooper
2005-03-23 09:06:14 UTC
Permalink
Post by Ivan
Post by artev
Post by Ivan
il cliente non è l'intestatario del dominio, ma la ditta o società
alla quale è stata inviata fattura e che ha regolarmente provveduto a
saldare.
qui dici che il cliente non è l'intestatario del dominio
correggo intendevo l'intestatario dell'ordine del pacchetto
dominio-hosting (quindi il cliente).
Post by artev
Post by Ivan
Loro infatti al momento dell'acquisto chiedono chiaramente quali sono
i contatti amministrativi e quelli relativi alla fatturazione...
contatti che possono essere differenti dal titolare del dominio.
Ti sembra normale che il rinnovo eseguito (a mia insaputa)
dall'intestatario del dominio,
qui dici che il cliente è invece intestatario del dominio;
il cliente (il NOSTRO cliente) è intestatario del dominio
Aspetta un po'.... qui si sta a fa un bel casino. Chiariamo due cose:

(a) Nel campo admin-c chi spunta facendo il whois?
(b) Nel campo billing-c chi spunta facendo il whois?

Se nel campo ADMIN-C spuntano i dati del tuo cliente, ALLORA l'intestatario
del dominio è il tuo cliente.
Se nel campo ADMIN-C spuntano i dati della tua azienda ALLORA l'intestatario
del dominio è la tua azienda.

....questo a prescindere dai dati che spuntano nel campo BILLING-C.
Normalmente il campo BILLING-C coincide col campo ADMIN-C ma può anche avere
valori diversi.

Ora, se abbiamo che in ADMIN-C spunta il tuo cliente, il tuo cliente oltre a
essere intestatario del dominio è anche proprietario del dominio in quanto
intestatario e di conseguenza è anche cliente di ARUBA.
ARUBA, ha l'obbligo secondo il nic, di comunicare al cliente la scadenza del
dominio e il relativo rinnovo, da qui non si scappa.
E' probabile che il cliente ha visto una offerta migliore con aruba, e ha
detto, ma chi me lo fa fare a stare con chi mi fa pagare di più? spetta che
me ne vado qui :)

Se invece l'ADMIN-C fosse a nome della tua azienda, a questo punto
l'intestatario del dominio e quindi il proprietario del dominio sarebbe
stata la tua azienda.
Aruba quindi avrebbe inoltrato la notifica alla tua azienda e la tua azienda
avrebbe provveduto al disbrigo della pratica, senza quindi aruba avere la
necessità di avvisare il cliente essendo l'unico referente per aruba la tua
azienda.
In questo caso, saresti si l'intestatario del dominio, però attraverso un
accordo contrattuale, riconosci la proprietà del dominio al tuo cliente.

Quindi nessun inghippo, e nessun errore come ribadito in precedenza.
Cooper.
--
BlueWare Web Agency
[http:] www.blueware.it
[msn:] ***@blueware.it
[icq:] 146781935
artev
2005-03-22 23:21:43 UTC
Permalink
Post by Ivan
no... non ci sono codici per l'hosting e codici per il dominio.
ogni pacchetto "hosting+dominio" ha il codice del cliente che lo
acquista
quindi consigli che è sempre meglio separare l'acquisto dell'hosting da
quello del dominio;
cioè hosting con una ditta e dominio con un'altra o dorettametne con il
nic? e a questo punto gestione dns da un'altra ditta ancora?
cioè evitare di mettere in mano ad un'unica azienda i propri servizi;
che o per scorrettezza o per errore puo' creare problemi al
webmaster.
Cooper
2005-03-22 23:24:36 UTC
Permalink
Post by artev
quindi consigli che è sempre meglio separare l'acquisto dell'hosting da
quello del dominio;
cioè hosting con una ditta e dominio con un'altra
E chi te lo fa fa??? ti complichi la vita inutilmente.
Post by artev
o dorettametne con il
nic?
non puoi acquistare i domini direttamente dal nic, salvo che non sei MNT.
Post by artev
e a questo punto gestione dns da un'altra ditta ancora?
non pensarci :)
Post by artev
cioè evitare di mettere in mano ad un'unica azienda i propri servizi;
che o per scorrettezza o per errore puo' creare problemi al
webmaster.
come sopra, ti complichi inutilmente la vita.

Cooper.
--
BlueWare Web Agency
[http:] www.blueware.it
[msn:] ***@blueware.it
[icq:] 146781935
Ivan
2005-03-23 00:56:25 UTC
Permalink
Post by artev
Post by Ivan
no... non ci sono codici per l'hosting e codici per il dominio.
ogni pacchetto "hosting+dominio" ha il codice del cliente che lo
acquista
quindi consigli che è sempre meglio separare l'acquisto dell'hosting da
quello del dominio;
cioè hosting con una ditta e dominio con un'altra o dorettametne con il
nic? e a questo punto gestione dns da un'altra ditta ancora?
cioè evitare di mettere in mano ad un'unica azienda i propri servizi;
che o per scorrettezza o per errore puo' creare problemi al
webmaster.
l'ideale sarebbe per me riuscire a fare tutto con un solo provider.
Quello che chiedo è che quando si avvicina la scadenza di un account,
si dia comunicazione al webmaster (cliente del provider) e se questo
non intende rinnovare, allora si lasci cadere l'account... senza
chiamare in causa l'intestatario del dominio.
Se io divento rivenditore di un provider, dovrei avere la
responsabilità di seguire "con esclusiva" i miei clienti.
Questo non è possibile?
allora ne prenderò atto e vedrò di fare diversamente

Ivan
Cooper
2005-03-23 09:11:27 UTC
Permalink
Post by Ivan
Post by artev
Post by Ivan
no... non ci sono codici per l'hosting e codici per il dominio.
ogni pacchetto "hosting+dominio" ha il codice del cliente che lo
acquista
quindi consigli che è sempre meglio separare l'acquisto dell'hosting da
quello del dominio;
cioè hosting con una ditta e dominio con un'altra o dorettametne con il
nic? e a questo punto gestione dns da un'altra ditta ancora?
cioè evitare di mettere in mano ad un'unica azienda i propri servizi;
che o per scorrettezza o per errore puo' creare problemi al
webmaster.
l'ideale sarebbe per me riuscire a fare tutto con un solo provider.
Quello che chiedo è che quando si avvicina la scadenza di un account,
si dia comunicazione al webmaster (cliente del provider) e se questo
non intende rinnovare, allora si lasci cadere l'account... senza
chiamare in causa l'intestatario del dominio.
Non puoi farlo a meno che il dominio sia intestato a te (ovvero a meno che
come ADMIN-C non compare la tua azienda).
Post by Ivan
Se io divento rivenditore di un provider, dovrei avere la
responsabilità di seguire "con esclusiva" i miei clienti.
Questo è logico che sia cosi, ma le regole non le decidi te. Tutto dipende
da chi risulta come ADMIN-C.
Se non interveniva aruba per la scadenza del dominio, sarebbe intervenuto il
nic, con una raccomandata inviandola al cliente essendo il cliente ADMIN-C
del dominio.
Post by Ivan
allora ne prenderò atto e vedrò di fare diversamente
Ecco intesta il dominio a te, e con un contratto riconosci la titolarità del
dominio al cliente.
Oppure metti una clausola nel contratto, appositamente per evitare questi
inconvenienti, e lasci ADMIN-C il cliente..

Cooper.
--
BlueWare Web Agency
[http:] www.blueware.it
[msn:] ***@blueware.it
[icq:] 146781935
Cla!
2005-03-22 17:43:37 UTC
Permalink
Post by Ivan
Che cosa ne pensate?
A parte la scorrettezza e la poca serietà di Aruba, cosa si può fare?
Se fanno così con tutti i loro clienti c'è poco da stare tranquilli.
Eliminare i files (di nostra proprietà, perchè il contratto con il
cliente prevede la visibilità del sito da rinnovare di anno in anno)
dall'account è lecito secondo voi?
wow!!!!!!

Dunque VOI eravate intestatari dell'hosting e IL CLIENTE intestatario
del dominio (ottimo, siete corretti) e aruba ha fornito gli accessi ai
file che il cliente aveva "in affitto" da voi ...

Fossi in voi:

1) Letterina RR al cliente spiegando che non hanno diritto ad usare quei
file

2) Causa e risarcimento danni da 100.000 eurini al provider per aver
"diffuso via internet codice informatico protetto". Visto che fanno
causa al P2P, brevetti ecc a questo punto usa queste leggi a tuo
vnataggio, e ricorda che il reato è Penale e non civile (3 anni di
galera e 15.000 euro di multa)

Saluti
Claudio
--
http://www.docebolms.org :: E-learning open source

Errare e' umano, ma per fare veramente casino serve la password di root.
Ivan
2005-03-22 18:02:44 UTC
Permalink
Post by Cla!
Post by Ivan
Che cosa ne pensate?
A parte la scorrettezza e la poca serietà di Aruba, cosa si può fare?
Se fanno così con tutti i loro clienti c'è poco da stare tranquilli.
Eliminare i files (di nostra proprietà, perchè il contratto con il
cliente prevede la visibilità del sito da rinnovare di anno in anno)
dall'account è lecito secondo voi?
wow!!!!!!
Dunque VOI eravate intestatari dell'hosting e IL CLIENTE intestatario
del dominio (ottimo, siete corretti) e aruba ha fornito gli accessi ai
file che il cliente aveva "in affitto" da voi ...
già... e a quanto ho sentito in giro è la prassi.
A questo punto loro "costringono" ad intestare a sè il dominio... e la
cosa mi sembra del tutto scorretta (in fondo è giusto che siano loro i
proprietari del dominio... che poi potranno usare come e dove
vogliono).
Post by Cla!
1) Letterina RR al cliente spiegando che non hanno diritto ad usare quei
file
2) Causa e risarcimento danni da 100.000 eurini al provider per aver
"diffuso via internet codice informatico protetto". Visto che fanno
causa al P2P, brevetti ecc a questo punto usa queste leggi a tuo
vnataggio, e ricorda che il reato è Penale e non civile (3 anni di
galera e 15.000 euro di multa)
il bello è che, controllando ora, questi hanno emesso A NOI !!!!! una
nuova fattura !!!!
in pratica il cliente grazie al link nell'email ricevuta ha pagato
tramite carta di credito o bonifico bancario, e nei fatti risulta che
il pagamento sia stato fatto da noi.

e pensare che chiedevamo 40 euro + iva (comprendenti anche
aggiornamenti di piccola entità) al cliente... insomma non era per
lucrarci sopra... se questi (fino ad oggi non c'eravamo trovati male
con loro a dire il vero, parlo di aruba) trattano così i loro
rivenditori... rubandogli i clienti... beh...

Ivan
R=V/I
2005-03-22 18:57:47 UTC
Permalink
Che storia,
comunque quando un sito e' registrato su aruba, al naturale nella homepage
c'e' scritto " www.nomedominio.it in costruzione ".
Togli tutto dal sito e metti la scritta che gli spetta per i 30 euro pagati,
cosi risolvi.

Ciao
Ivan
2005-03-22 19:04:42 UTC
Permalink
Post by R=V/I
Che storia,
comunque quando un sito e' registrato su aruba, al naturale nella homepage
c'e' scritto " www.nomedominio.it in costruzione ".
Togli tutto dal sito e metti la scritta che gli spetta per i 30 euro pagati,
cosi risolvi.
Ciao
hai per caso un esempio?
ho cancellato a suo tempo i files di default ...
magari conosci qualche sito che è "in costruzione".

ciao
Ivan
Reguess®
2005-03-22 19:28:06 UTC
Permalink
Post by Ivan
Post by R=V/I
Che storia,
comunque quando un sito e' registrato su aruba, al naturale nella
homepage c'e' scritto " www.nomedominio.it in costruzione ".
Togli tutto dal sito e metti la scritta che gli spetta per i 30 euro
pagati, cosi risolvi.
Ciao
hai per caso un esempio?
ho cancellato a suo tempo i files di default ...
magari conosci qualche sito che è "in costruzione".
ciao
Ivan
Basta questo:
This Account Has Been Suspended
artev
2005-03-22 23:43:45 UTC
Permalink
Post by Ivan
già... e a quanto ho sentito in giro è la prassi.
A questo punto loro "costringono"
per loro chi intendi
Post by Ivan
ad intestare a sè il dominio... e la
cosa mi sembra del tutto scorretta (in fondo è giusto che siano loro i
proprietari del dominio... che poi potranno usare come e dove
vogliono).
praticametne i loro spora non è i loro invece di qui sotto.
Post by Ivan
Post by Cla!
1) Letterina RR al cliente spiegando che non hanno diritto ad usare quei
file
2) Causa e risarcimento danni da 100.000 eurini al provider per aver
"diffuso via internet codice informatico protetto". Visto che fanno
causa al P2P, brevetti ecc a questo punto usa queste leggi a tuo
vnataggio, e ricorda che il reato è Penale e non civile (3 anni di
galera e 15.000 euro di multa)
veramente il provider ha solo dato dei codici di un webmaster ad un suo
cliente; quindi non ha diffuso niente in rete
Post by Ivan
il bello è che, controllando ora, questi hanno emesso A NOI !!!!! una
nuova fattura !!!!
in pratica il cliente grazie al link nell'email ricevuta ha pagato
tramite carta di credito o bonifico bancario, e nei fatti risulta che
il pagamento sia stato fatto da noi.
e pensare che chiedevamo 40 euro + iva (comprendenti anche
aggiornamenti di piccola entità) al cliente... insomma non era per
lucrarci sopra... se questi (fino ad oggi non c'eravamo trovati male
con loro a dire il vero, parlo di aruba) trattano così i loro
rivenditori... rubandogli i clienti... beh...
scusa ma il cliente ora crede di poter usare il TUO spazio web per far
vedere il suo dominio?

tra l'altro i dns li puoi gestire ancora tu?
o entrambi tu e il cliente?

nonm credo che aruba veramente possa sottrarre clienti cosi;
sicuramente c'è stato un errore;
Ivan
2005-03-23 00:49:47 UTC
Permalink
Post by artev
Post by Ivan
già... e a quanto ho sentito in giro è la prassi.
A questo punto loro "costringono"
per loro chi intendi
intendo chi si comporta in questo modo, "costringendo" lo studio
grafico a intestare a sè stesso il dominio, anzichè al cliente (come
invece ritengo più giusto).
Post by artev
Post by Ivan
ad intestare a sè il dominio... e la
cosa mi sembra del tutto scorretta (in fondo è giusto che siano loro i
proprietari del dominio... che poi potranno usare come e dove
vogliono).
praticametne i loro spora non è i loro invece di qui sotto.
esatto qui i "loro" sono i MIEI clienti
Post by artev
Post by Ivan
il bello è che, controllando ora, questi hanno emesso A NOI !!!!! una
nuova fattura !!!!
in pratica il cliente grazie al link nell'email ricevuta ha pagato
tramite carta di credito o bonifico bancario, e nei fatti risulta che
il pagamento sia stato fatto da noi.
e pensare che chiedevamo 40 euro + iva (comprendenti anche
aggiornamenti di piccola entità) al cliente... insomma non era per
lucrarci sopra... se questi (fino ad oggi non c'eravamo trovati male
con loro a dire il vero, parlo di aruba) trattano così i loro
rivenditori... rubandogli i clienti... beh...
scusa ma il cliente ora crede di poter usare il TUO spazio web per far
vedere il suo dominio?
tra l'altro i dns li puoi gestire ancora tu?
o entrambi tu e il cliente?
in questo momento entrambi (e teoricamente loro possono entrare anche
negli altri siti da noi gestiti... conoscendone l'indirizzo ftp).
Ho chiesto ad aruba di assegnare loro un nuovo username e password e
di eliminare i nostri, per evitare problemi.
Post by artev
nonm credo che aruba veramente possa sottrarre clienti cosi;
sicuramente c'è stato un errore;
non lo so... è possibile, e spero che si risolva la cosa.
Non ho mai avuto problemi con loro e spero che si sia trattato davvero
di uno spiacevole malinteso.

ciao
Ivan
Giovanni Ceglia
2005-03-23 01:24:24 UTC
Permalink
Scusa, non per qualcosa ma ha ragione Cooper, siete stati un poco ingenui,
inoltre se leggete bene il contratto per l'hosting a basso costo di Aruba,
vi potrete anche rendere conto che avete violato quel contratto...

Infatti l'hosting non è rivendibile, se fosse così allora io potrei
registrarmi un dominio e potrei frazionarmi quello spazio
illimitato(teoricamente), ma se leggi bene il contratto, vedi che non lo
puoi rivendere...

La situazione andava gestita diversamente, dovevi registrare il dominio con
l'offerta solo Dominio(E lo intestavi al tuo cliente) e poi fare puntare il
dominio su un tuo server (il sever lo potevi anche avere da Aruba, ma anche
da qualcun altro), a quel punto tu gli davi l'hosting e non quello
dell'offerta economica di Aruba che sono sicuro che è anche vietato
rivendere, per ovvi motivi...

Poi i sistemi di Aruba sono quasi tutti automatici, ed alcuni sono delle
autentiche trappole dove se sbagli dopo è difficoltoso aggiustare, è
probabile che hai inserito l'e-mail del cliente da qualche parte, e di
conseguenza i sistemi automatici di Aruba hanno recapitato l'e-mail
automatica che avvisa della scandena al tuo cliente, è normale... L'offerta
di Aruba non è concepita per le ditte che devono rivendere lo spazio, se
leggi il contratto c'è sicuramente anche scritto che è vietato rivendere
quello spazio... Sei tu che hai sbagliato.

Adesso l'unica cosa che puoi fare, è mettergli una pagina bianca con la
scritta "under construction", come ha suggerito già qualcuno, e per le
prossime volte impari che ti devi fare un server dedicato, oppure devi
trovare qualcuno che ti da il servizio di solo hosting, e devi separare
dominio e hosting, il dominio magari lo registri con aruba e l'hosting lo
fai altrove o su server dedicato tuo su aruba, l'importante è che le cose
siano separate.
nawfer
2005-03-23 09:13:27 UTC
Permalink
Post by Giovanni Ceglia
e devi separare
dominio e hosting, il dominio magari lo registri con aruba e l'hosting lo
fai altrove o su server dedicato tuo su aruba, l'importante è che le cose
siano separate.
c'è un sito/i dove sono spiegate tutte queste accortezze per evitare
problematiche simili?
sicuramente questa è una delle tante.
Cooper
2005-03-23 09:27:02 UTC
Permalink
Post by nawfer
Post by Giovanni Ceglia
e devi separare
dominio e hosting, il dominio magari lo registri con aruba e l'hosting lo
fai altrove o su server dedicato tuo su aruba, l'importante è che le cose
siano separate.
c'è un sito/i dove sono spiegate tutte queste accortezze per evitare
problematiche simili?
sicuramente questa è una delle tante.
Non servono i siti :) è solo questione di usare un po' il cervello :) e
provare a seguire un ragionamento rigido e non di parte, proprio come se
foste un computer che esegue delle istruzioni.

Cooper.
--
BlueWare Web Agency
[http:] www.blueware.it
[msn:] ***@blueware.it
[icq:] 146781935
nawfer
2005-03-23 09:16:16 UTC
Permalink
Post by Giovanni Ceglia
Adesso l'unica cosa che puoi fare, è mettergli una pagina bianca con la
scritta "under construction", come ha suggerito già qualcuno, e per le
prossime volte impari che ti devi fare un server dedicato,
ma il server dedicato non è piu' difficile da gestire?
inoltre il server virtuale (nonso se su a aruba c'è) è veramente un
compromesso tra il dedicato e l'hosting; cioè piu' facile da mantenere
ma con i vantaggi comunque di un dedicato?
Cooper
2005-03-23 09:27:02 UTC
Permalink
Post by nawfer
Post by Giovanni Ceglia
Adesso l'unica cosa che puoi fare, è mettergli una pagina bianca con la
scritta "under construction", come ha suggerito già qualcuno, e per le
prossime volte impari che ti devi fare un server dedicato,
ma il server dedicato non è piu' difficile da gestire?
inoltre il server virtuale (nonso se su a aruba c'è) è veramente un
compromesso tra il dedicato e l'hosting; cioè piu' facile da mantenere
ma con i vantaggi comunque di un dedicato?
Fra server virtuale e dedicato ai fini gestionali non cambia assolutamente
nulla, l'unica cosa che cambia è che in un dedicato hai la banda e le
risorse tutte per te, in un virtuale invece banda e risorse sono divise fra
più clienti, abbattendone cosi i costi.
Per quei siti che non richiedono particolari esigenze un virtuale è piu che
sufficiente, un dedicato è uno spreco di denaro.
Cooper.
--
BlueWare Web Agency
[http:] www.blueware.it
[msn:] ***@blueware.it
[icq:] 146781935
Cooper
2005-03-23 09:22:53 UTC
Permalink
Post by Giovanni Ceglia
Scusa, non per qualcosa ma ha ragione Cooper, siete stati un poco ingenui,
inoltre se leggete bene il contratto per l'hosting a basso costo di Aruba,
vi potrete anche rendere conto che avete violato quel contratto...
Infatti l'hosting non è rivendibile, se fosse così allora io potrei
registrarmi un dominio e potrei frazionarmi quello spazio
illimitato(teoricamente), ma se leggi bene il contratto, vedi che non lo
puoi rivendere...
Se l'hosting non è rivendibile implica che non è nemmeno frazionabile e
quindi che i domini associati a quell'hosting hanno un unico riferimento.
Questo spiega il motivo per cui il cliente di ivan abbia avuto accesso anche
agli altri spazi di ivan :)
In altre parole, essendo il dominio del cliente di ivan intestato al cliente
stesso, aruba ha pensato giustamente che quello spazio fosse del cliente di
ivan, e in conseguenza di ciò ha dato accesso a quello spazio.
Post by Giovanni Ceglia
La situazione andava gestita diversamente, dovevi registrare il dominio
con l'offerta solo Dominio(E lo intestavi al tuo cliente) e poi fare
puntare il dominio su un tuo server (il sever lo potevi anche avere da
Aruba, ma anche da qualcun altro), a quel punto tu gli davi l'hosting e
non quello dell'offerta economica di Aruba che sono sicuro che è anche
vietato rivendere, per ovvi motivi...
Esattamente in questo caso il dominio restava al cliente e aruba comunicava
solo ed esclusivamente col cliente per le questioni relative al dominio
senza mettere in mezzo le questioni relative all'hosting.
Ivan in questo caso non avrebbe avuto problemi di alcun tipo.
Post by Giovanni Ceglia
Poi i sistemi di Aruba sono quasi tutti automatici, ed alcuni sono delle
autentiche trappole dove se sbagli dopo è difficoltoso aggiustare, è
probabile che hai inserito l'e-mail del cliente da qualche parte, e di
conseguenza i sistemi automatici di Aruba hanno recapitato l'e-mail
automatica che avvisa della scandena al tuo cliente, è normale...
Nel campo admin-c quasi sicuramente avrà inserito detta email
Post by Giovanni Ceglia
L'offerta di Aruba non è concepita per le ditte che devono rivendere lo
spazio, se leggi il contratto c'è sicuramente anche scritto che è vietato
rivendere quello spazio... Sei tu che hai sbagliato.
Cla, i tuoi 100.000 euro, stando le cose cosi, vanno in un fosso... a
quest'ora avresti già perso pure la causa in tribunale :))))))))
Post by Giovanni Ceglia
Adesso l'unica cosa che puoi fare, è mettergli una pagina bianca con la
scritta "under construction", come ha suggerito già qualcuno,
In pratica si, ma temo che non possa farlo con facilità, almeno fino a
quando i dns del dominio continueranno a puntare sull'hosting di ivan.
Questo in virtu del fatto, che cosi facendo si potrebbe andare incontro a un
atto di "censura" (termine improprio) in quanto sarebbe un motivo come un
altro per ostacolare la pubblicazione di quel sito, e a questo punto si che
il cliente subirebbe un danno, a cui dovrebbe risponderne ivan.
L'unica cosa che ivan può fare è spostare i suoi domini, in quanto nel
momento in cui ARUBA se ne accorge che ha violato il contratto, poco manca
che gli risolvono il contratto o che richiedano un risarcimento del danno,
per violazione del contratto.
Qui bisogna vedere cosa dice il contratto di aruba in merito alle violazioni
di questo da parte del cliente.
Post by Giovanni Ceglia
e per le prossime volte impari che ti devi fare un server dedicato, oppure
devi trovare qualcuno che ti da il servizio di solo hosting,
Non proprio un dedicato, basta anche un server virtuale (aruba se non erro
offre server virtuali anche).
Post by Giovanni Ceglia
e devi separare dominio e hosting, il dominio magari lo registri con aruba
e l'hosting lo fai altrove o su server dedicato tuo su aruba, l'importante
è che le cose siano separate.
Qui non necessariamente, dipende da come ci si muove nella amministrazione
del dominio, ci sono un casino di varianti in ogni caso il tuo suggerimento
è buono, ma cosi facendo, per quanto fattibile, il più delle volte complica
le cose.

Cooper.
--
BlueWare Web Agency
[http:] www.blueware.it
[msn:] ***@blueware.it
[icq:] 146781935
Ivan
2005-03-23 10:47:45 UTC
Permalink
Post by Cooper
Post by Giovanni Ceglia
Scusa, non per qualcosa ma ha ragione Cooper, siete stati un poco ingenui,
inoltre se leggete bene il contratto per l'hosting a basso costo di Aruba,
vi potrete anche rendere conto che avete violato quel contratto...
Infatti l'hosting non è rivendibile, se fosse così allora io potrei
registrarmi un dominio e potrei frazionarmi quello spazio
illimitato(teoricamente), ma se leggi bene il contratto, vedi che non lo
puoi rivendere...
Se l'hosting non è rivendibile implica che non è nemmeno frazionabile e
quindi che i domini associati a quell'hosting hanno un unico riferimento.
Questo spiega il motivo per cui il cliente di ivan abbia avuto accesso anche
agli altri spazi di ivan :)
no no un attimo qui state facendo confusione voi.
Io ho un contratto apposita per rivenditori (non pago la cifra che si
trova sul sito di aruba come hosting ma un importo dedicato).
E' OVVIO che lo spazio non sia frazionabile ! ci mancherebbe.
Come rivenditore io posso acquistare tot pacchetti (con domini
diversi) e manterenere la stessa username e password. E' chiaro?
Il contratto di ARUBA non dice che non si può rivendere il pacchetto,
ma che non si può frazionare lo spazio che ti danno per poi
rivenderlo!
Post by Cooper
Post by Giovanni Ceglia
La situazione andava gestita diversamente, dovevi registrare il dominio
con l'offerta solo Dominio(E lo intestavi al tuo cliente) e poi fare
puntare il dominio su un tuo server (il sever lo potevi anche avere da
Aruba, ma anche da qualcun altro), a quel punto tu gli davi l'hosting e
non quello dell'offerta economica di Aruba che sono sicuro che è anche
vietato rivendere, per ovvi motivi...
Esattamente in questo caso il dominio restava al cliente e aruba comunicava
solo ed esclusivamente col cliente per le questioni relative al dominio
senza mettere in mezzo le questioni relative all'hosting.
Ivan in questo caso non avrebbe avuto problemi di alcun tipo.
Con ARUBA non è possibile, l'unica soluzione è mettere il sito da
un'altra parte... ma a questo punto mi sembra più logico andare a
comprare il dominio assieme all'hosting da un diverso provider (tanto
il costo del dominio è più o meno uguale per tutti).

Il problema è però STATO RISOLTO poco fa.
Mi hanno contattato quelli di ARUBA dicendomi che c'era stato un
"difetto di comunicazione" tra amministrazione e parte tecnica... in
pratica dovevano chiudere il mio account e aprirne uno nuovo, invece
per errore i tecnici hanno inteso un RINNOVO e non un nuovo contratto.

Sarebbe stato meglio se non fosse accaduto il quiproquo, ma accetto la
spiegazione e per ora ne prendo atto, se non altro riconoscendo loro
che sono stati veloci nel chiarire la cosa... allo stesso tempo faccio
ammenda per avere dubitato della loro buona fede... come si dice da
questa parte in Veneto, (traducendo) "chi precipita, non frena ma
frana".

Ivan
nawfer
2005-03-23 11:03:25 UTC
Permalink
Post by Cooper
Post by Giovanni Ceglia
e devi separare dominio e hosting, il dominio magari lo registri con aruba
e l'hosting lo fai altrove o su server dedicato tuo su aruba, l'importante
è che le cose siano separate.
Qui non necessariamente, dipende da come ci si muove nella amministrazione
del dominio, ci sono un casino di varianti in ogni caso il tuo suggerimento
è buono, ma cosi facendo, per quanto fattibile, il più delle volte complica
le cose.
puoi fare esempi di complicanze?
per capire che difficoltà possono venir fuori visto che
si ha il vantaggio comunque di non dipendere totalmente da chi ti passa
l'hosting;
esempio ivan avrebbea vuto molti meno problemi; pero' non so poi
se ci sono controindicazioni.
Cooper
2005-03-23 11:11:42 UTC
Permalink
Post by nawfer
Post by Cooper
Qui non necessariamente, dipende da come ci si muove nella
amministrazione
del dominio, ci sono un casino di varianti in ogni caso il tuo suggerimento
è buono, ma cosi facendo, per quanto fattibile, il più delle volte complica
le cose.
puoi fare esempi di complicanze?
per capire che difficoltà possono venir fuori visto che
si ha il vantaggio comunque di non dipendere totalmente da chi ti passa
l'hosting;
esempio ivan avrebbea vuto molti meno problemi; pero' non so poi
se ci sono controindicazioni.
Si certo, ti faccio un esempio banalissimo, ci sono alcuni cms che per
funzionare richiedono configurazioni particolari sul webserver e quindi
sull'hosting.
Queste configurazioni particolari, ovviamente possono essere richieste anche
in fase di progettazione di un sito a secondo delle esigenze specifiche che
si hanno.
In alcuni casi, per questioni di compatibilità è possibile associare piu
domini a un server virtuale o condiviso, ma in molti altri casi, a secondo
appunto delle esigenze e delle configurazioni ad hoc, per motivi di
sicurezza etc, questo non è possibile ed ecco che si rende necessario
associare a un dominio uno specifico hosting.
Tutto qui.
Cooper.
--
BlueWare Web Agency
[http:] www.blueware.it
[msn:] ***@blueware.it
[icq:] 146781935
ITHost
2005-03-23 11:43:44 UTC
Permalink
Post by Cooper
Si certo, ti faccio un esempio banalissimo, ci sono alcuni cms che per
funzionare richiedono configurazioni particolari sul webserver e
quindi sull'hosting.
e che c'entra il dominio?????????
Post by Cooper
Queste configurazioni particolari, ovviamente possono essere
richieste anche in fase di progettazione di un sito a secondo delle
esigenze specifiche che si hanno.
ti ripeto che c'entra il dominio?????????
Post by Cooper
In alcuni casi, per questioni di compatibilità è possibile associare
piu domini a un server virtuale o condiviso, ma in molti altri casi,
a secondo appunto delle esigenze e delle configurazioni ad hoc, per
motivi di sicurezza etc, questo non è possibile ed ecco che si rende
necessario associare a un dominio uno specifico hosting.
Tutto qui.
adesso lo rileggi per bene ad alta voce e me lo rispieghi perchè in 5 righe
non ha detto assolutamente nulla
--
Christian Paparelli
http://www.ithost.ch
Cooper
2005-03-23 12:35:22 UTC
Permalink
Post by ITHost
Post by Cooper
Si certo, ti faccio un esempio banalissimo, ci sono alcuni cms che per
funzionare richiedono configurazioni particolari sul webserver e
quindi sull'hosting.
e che c'entra il dominio?????????
Post by Cooper
Queste configurazioni particolari, ovviamente possono essere
richieste anche in fase di progettazione di un sito a secondo delle
esigenze specifiche che si hanno.
ti ripeto che c'entra il dominio?????????
Post by Cooper
In alcuni casi, per questioni di compatibilità è possibile associare
piu domini a un server virtuale o condiviso, ma in molti altri casi,
a secondo appunto delle esigenze e delle configurazioni ad hoc, per
motivi di sicurezza etc, questo non è possibile ed ecco che si rende
necessario associare a un dominio uno specifico hosting.
Tutto qui.
adesso lo rileggi per bene ad alta voce e me lo rispieghi perchè in 5
righe non ha detto assolutamente nulla
Il dominio di fatto (nella pratica) non centra nulla, ma gestire le due cose
separatamente complica di più la vita.
In particolare per chi usa server con hosting condiviso, per un virtuale o
un dedicato, sarebbe da folli, avendo la possibilità di frazionare lo spazio
e assegnarlo a un dominio, andarsi a rivolgere altrove e quindi separare
hosting e dominio.
Per un condiviso, non sempre è possibile apportare delle modifiche al
webserver (e questo per motivi di sicurezza soprattutto) e comunque a
prescindere da questo, non tutti i fornitori lo consentono sia per motivi
tecnici, sia per motivi commerciali.
Ecco il senso in cui intendevo per piu complicato.
Il nesso con il discorso di sopra mi sembra che sia chiaro, (o per lo meno
sembra chiaro a me) nel senso che con un hosting condiviso il dominio
cammina insieme all'hosting e ha quelle caratteristiche di base che sono
uguali per tutti.
Ed è li appunto che nascono le complicanze per particolari applicazioni web
o simili.

Cooper.
--
BlueWare Web Agency
[http:] www.blueware.it
[msn:] ***@blueware.it
[icq:] 146781935
ITHost
2005-03-23 12:48:48 UTC
Permalink
Post by Cooper
Il dominio di fatto (nella pratica) non centra nulla,
mi sembrava :-D
Post by Cooper
ma gestire le
due cose separatamente complica di più la vita.
e perchè mai??
Post by Cooper
In particolare per chi usa server con hosting condiviso, per un
virtuale o un dedicato, sarebbe da folli, avendo la possibilità di
frazionare lo spazio e assegnarlo a un dominio, andarsi a rivolgere
altrove e quindi separare hosting e dominio.
e perchè mai?? Prova ad acquistare domini .ch o .li e per forza devi
separarli
Post by Cooper
Per un condiviso, non sempre è possibile apportare delle modifiche al
webserver (e questo per motivi di sicurezza soprattutto) e comunque a
prescindere da questo, non tutti i fornitori lo consentono sia per
motivi tecnici, sia per motivi commerciali.
ti ripeto non vedo il nesso nei motivi tecnici, i server dns solitamente
sono server diversi dai server web e pertanto ti ripeto non vedo il
problema, anzi a livello tecnico è solo lavoro in meno, in quanto se il
dominio punta ad altri dns non devi creare nulla nel server dns, poi se mi
dici che il problema sta nel pannello xyz che non ti permette di creare web
site senza creare dns oppure il sistemista non è capace allora è un altro
discorso
Per il lato commerciale anche qui è una politica molto italica, in quanto in
altre nazioni (svizzera, francia, germania) il dominio è slegato dal hosting
Post by Cooper
Ecco il senso in cui intendevo per piu complicato.
Il nesso con il discorso di sopra mi sembra che sia chiaro, (o per lo
meno sembra chiaro a me) nel senso che con un hosting condiviso il
dominio cammina insieme all'hosting e ha quelle caratteristiche di
base che sono uguali per tutti.
guarda che il dominio cammina benissimo anche su un altro registrar, hai
solo meno sbattimento nella gestione dei server dns, punto e stop
Post by Cooper
Ed è li appunto che nascono le complicanze per particolari
applicazioni web o simili.
quali??? Ti prego dimmele e fammi esempi concreti in quanto non le capisco
--
Christian Paparelli
http://www.ithost.ch
Cooper
2005-03-23 13:11:25 UTC
Permalink
Post by ITHost
Post by Cooper
Il dominio di fatto (nella pratica) non centra nulla,
mi sembrava :-D
Post by Cooper
ma gestire le
due cose separatamente complica di più la vita.
e perchè mai??
Post by Cooper
In particolare per chi usa server con hosting condiviso, per un
virtuale o un dedicato, sarebbe da folli, avendo la possibilità di
frazionare lo spazio e assegnarlo a un dominio, andarsi a rivolgere
altrove e quindi separare hosting e dominio.
e perchè mai?? Prova ad acquistare domini .ch o .li e per forza devi
separarli
Post by Cooper
Per un condiviso, non sempre è possibile apportare delle modifiche al
webserver (e questo per motivi di sicurezza soprattutto) e comunque a
prescindere da questo, non tutti i fornitori lo consentono sia per
motivi tecnici, sia per motivi commerciali.
ti ripeto non vedo il nesso nei motivi tecnici, i server dns solitamente
sono server diversi dai server web e pertanto ti ripeto non vedo il
problema, anzi a livello tecnico è solo lavoro in meno, in quanto se il
dominio punta ad altri dns non devi creare nulla nel server dns, poi se mi
dici che il problema sta nel pannello xyz che non ti permette di creare
web site senza creare dns oppure il sistemista non è capace allora è un
altro discorso
Per il lato commerciale anche qui è una politica molto italica, in quanto
in altre nazioni (svizzera, francia, germania) il dominio è slegato dal
hosting
Post by Cooper
Ecco il senso in cui intendevo per piu complicato.
Il nesso con il discorso di sopra mi sembra che sia chiaro, (o per lo
meno sembra chiaro a me) nel senso che con un hosting condiviso il
dominio cammina insieme all'hosting e ha quelle caratteristiche di
base che sono uguali per tutti.
guarda che il dominio cammina benissimo anche su un altro registrar, hai
solo meno sbattimento nella gestione dei server dns, punto e stop
Post by Cooper
Ed è li appunto che nascono le complicanze per particolari
applicazioni web o simili.
quali??? Ti prego dimmele e fammi esempi concreti in quanto non le capisco
Io non parlo di complicanze sul profilo tecnico, infatti come giustamente
dici te, dominio e hosting si possono tranquillamente separare.
Io parlo invece di complicanze dal punto di vista commerciale,
amministrativo (non tecnico) e pratico.
Dal punto di vista pratico, ad esempio prendi l'utonto, lui troverà
sens'altro piu difficoltà a dover gestire/configurare dominio e hosting
presi separatamente e in luoghi diversi piuttosto che presi allo stesso
tempo e nello stesso luogo.
Dal punto di vista commerciale, possono subentrare anche questioni di
marketing no? Chi propone hosting a pressi bassissimi si suppone che abbiano
una procedura del tutto automatizzata per minimizzare il personale, e se
qualcosa va storto l'utonto che fa?
Ecco perchè sostengo queste complicanze.
In particolare però, per l'hosting condiviso difficilmente trovi chi ti
vende dominio e hosting separato, magari includono la possibilità di gestire
i dns certo ma non sempre è cosi, o comunque rendono noto che se si cambiano
i dns della azienda fornitrice con quelli di un altra, si perdono
particolari vantaggi etc etc.
Poi su come funziona all'estero sotto questo profilo non lo so, te
sicuramente sarai più esperto di me in questo e non lo metto in dubbio.
Cooper.
--
BlueWare Web Agency
[http:] www.blueware.it
[msn:] ***@blueware.it
[icq:] 146781935
ITHost
2005-03-23 13:29:13 UTC
Permalink
Post by Cooper
Io non parlo di complicanze sul profilo tecnico, infatti come
giustamente dici te, dominio e hosting si possono tranquillamente
separare.
sicuro leggi i tuoi post

ti quoto
Post by Cooper
Post by Cooper
Per un condiviso, non sempre è possibile apportare delle modifiche
al webserver (e questo per motivi di sicurezza soprattutto) e
comunque a prescindere da questo, non tutti i fornitori lo
consentono sia per motivi tecnici, sia per motivi commerciali.
Io parlo invece di complicanze dal punto di vista commerciale,
amministrativo (non tecnico) e pratico.
allora È SOLO ED UNICAMENTE UN PROBLEMA COMMERCIALE
Post by Cooper
Dal punto di vista pratico, ad esempio prendi l'utonto, lui troverà
sens'altro piu difficoltà a dover gestire/configurare dominio e
hosting presi separatamente e in luoghi diversi piuttosto che presi
allo stesso tempo e nello stesso luogo.
su questo non si discute, ma ti ripeto è un costume prettamente italico
Post by Cooper
Dal punto di vista commerciale, possono subentrare anche questioni di
marketing no? Chi propone hosting a pressi bassissimi si suppone che
abbiano una procedura del tutto automatizzata per minimizzare il
personale, e se qualcosa va storto l'utonto che fa?
allora non ci sono problemi tecnici ma unicamente commerciali
Post by Cooper
Ecco perchè sostengo queste complicanze.
di carattere commerciale
Post by Cooper
In particolare però, per l'hosting condiviso difficilmente trovi chi
ti vende dominio e hosting separato, magari includono la possibilità
di gestire i dns certo ma non sempre è cosi,
politica aziendale
Post by Cooper
o comunque rendono noto
che se si cambiano i dns della azienda fornitrice con quelli di un
altra, si perdono particolari vantaggi etc etc.
come sopra
Post by Cooper
Cooper.
PS hai perso la buona abitudine di quotare come si deve?? :-P
--
Christian Paparelli
http://www.ithost.ch
Cooper
2005-03-23 13:42:41 UTC
Permalink
"ITHost" <***@ithost.ch> ha scritto nel messaggio news:d1rqva$kfv$***@news.hispeed.ch...
[cut]
Post by ITHost
Post by Cooper
Io parlo invece di complicanze dal punto di vista commerciale,
amministrativo (non tecnico) e pratico.
allora È SOLO ED UNICAMENTE UN PROBLEMA COMMERCIALE
tutto meno che tecnico (cosi siamo più generici)
Post by ITHost
Post by Cooper
Dal punto di vista pratico, ad esempio prendi l'utonto, lui troverà
sens'altro piu difficoltà a dover gestire/configurare dominio e
hosting presi separatamente e in luoghi diversi piuttosto che presi
allo stesso tempo e nello stesso luogo.
su questo non si discute, ma ti ripeto è un costume prettamente italico
io sono italico :) posso indossare costumi prettamente italici :) non posso
indossare costumi che non conosco :)))) (non intenderlo nel senso letterale,
è una "iperbole?" questa)
Post by ITHost
Post by Cooper
Dal punto di vista commerciale, possono subentrare anche questioni di
marketing no? Chi propone hosting a pressi bassissimi si suppone che
abbiano una procedura del tutto automatizzata per minimizzare il
personale, e se qualcosa va storto l'utonto che fa?
allora non ci sono problemi tecnici ma unicamente commerciali
come due punti sopra :)

---
In sostanza, per chi fa riferimento a un hosting condiviso, difficilmente
troverà vende questo separatamente dal dominio.
Per cui andando insieme in coppia hosting condiviso e dominio, le
complicanze che si riscontrano, si riscontrano sull'hosting dal punto di
vista tecnico e quindi implicitamente anche sul dominio, visto che questo
non è possibile separarlo dall'hosting per scelte commerciali etc.
Post by ITHost
PS hai perso la buona abitudine di quotare come si deve?? :-P
No no è che sto facendo due cose contemporaneamente in posti diversi :D e le
risorse elaborative sono in questo istante piu ridotte :P
Cooper.
--
BlueWare Web Agency
[http:] www.blueware.it
[msn:] ***@blueware.it
[icq:] 146781935
nawfer
2005-03-23 13:24:07 UTC
Permalink
Post by Cooper
Per un condiviso, non sempre è possibile apportare delle modifiche al
webserver (e questo per motivi di sicurezza soprattutto) e comunque a
prescindere da questo, non tutti i fornitori lo consentono sia per motivi
tecnici, sia per motivi commerciali.
quindi è solo un problema di come è strutturato il fornitore di host;
chi lo consente e chi no;
cioè non ci sono complicanze tecniche in se e per se;
Cooper
2005-03-23 13:25:47 UTC
Permalink
Post by nawfer
Post by Cooper
Per un condiviso, non sempre è possibile apportare delle modifiche al
webserver (e questo per motivi di sicurezza soprattutto) e comunque a
prescindere da questo, non tutti i fornitori lo consentono sia per motivi
tecnici, sia per motivi commerciali.
quindi è solo un problema di come è strutturato il fornitore di host;
chi lo consente e chi no;
cioè non ci sono complicanze tecniche in se e per se;
Dal punto di vista tecnico fra dominio è hosting no! Però se per ragioni
commerciali, hosting condiviso e dominio viaggiano insieme, allora queste
complicanze ci sono, in quanto per tali motivi i due non possono essere
divisi.
Cooper.
--
BlueWare Web Agency
[http:] www.blueware.it
[msn:] ***@blueware.it
[icq:] 146781935
ITHost
2005-03-23 13:33:38 UTC
Permalink
Post by Cooper
Dal punto di vista tecnico fra dominio è hosting no! Però se per
ragioni commerciali, hosting condiviso e dominio viaggiano insieme,
allora queste complicanze ci sono, in quanto per tali motivi i due
non possono essere divisi.
dipende dal fornitore e dall'offerta
--
Christian Paparelli
http://www.ithost.ch
Cooper
2005-03-23 13:46:57 UTC
Permalink
Post by ITHost
Post by Cooper
Dal punto di vista tecnico fra dominio è hosting no! Però se per
ragioni commerciali, hosting condiviso e dominio viaggiano insieme,
allora queste complicanze ci sono, in quanto per tali motivi i due
non possono essere divisi.
dipende dal fornitore e dall'offerta
Esatto, e per un hosting condiviso difficilmente trovi qualcosa che ti dia
la possibilità di separare nettamente le due cose.
E' piu facile che trovi la coppia hosting condiviso+dominio con possibilità
di cambiare i dns, in questo caso è possibile che certi vantaggi che ti
offrono vengono meno.
Il problema invece non si pone per quanto concerne i server virtuali e
dedicati, dove ovviamente hai un controllo completo sull'hosting e sul
dominio e puoi quindi decidere a tuo piacimento come procedere no? :)
In questo thread però si è fatto riferimento a un hosting condiviso quindi
dovremmo rimanere in questo campo.
Cooper.
--
BlueWare Web Agency
[http:] www.blueware.it
[msn:] ***@blueware.it
[icq:] 146781935
nawfer
2005-03-23 13:27:40 UTC
Permalink
Post by Cooper
Il nesso con il discorso di sopra mi sembra che sia chiaro, (o per lo meno
sembra chiaro a me) nel senso che con un hosting condiviso il dominio
cammina insieme all'hosting
non mi e' chiaro;
pero' non è l'ip che cammina insieme all'hosting e quindi non cambia nulla
se l'associazioni dominio>ip è fatta in loco o altrove ?
ITHost
2005-03-23 13:38:37 UTC
Permalink
Post by nawfer
non mi e' chiaro;
pero' non è l'ip che cammina insieme all'hosting e quindi non cambia
nulla se l'associazioni dominio>ip è fatta in loco o altrove ?
è quello che sto cercando di spiegare a cooper :-D
--
Christian Paparelli
http://www.ithost.ch
nawfer
2005-03-23 15:20:47 UTC
Permalink
Post by ITHost
Post by nawfer
non mi e' chiaro;
pero' non è l'ip che cammina insieme all'hosting e quindi non cambia
nulla se l'associazioni dominio>ip è fatta in loco o altrove ?
è quello che sto cercando di spiegare a cooper :-D
non è che ci sta mettendo alla prova?
questo dire non dire..
io sono newbie nel settore quindi lascio a te scoprire le carte di cooper
:-)
Cooper
2005-03-23 15:30:07 UTC
Permalink
Post by nawfer
Post by ITHost
Post by nawfer
non mi e' chiaro;
pero' non è l'ip che cammina insieme all'hosting e quindi non cambia
nulla se l'associazioni dominio>ip è fatta in loco o altrove ?
è quello che sto cercando di spiegare a cooper :-D
non è che ci sta mettendo alla prova?
no no, apprendo molto da ithost :) è una persona a mio parere affidabile e
coerente, se mi contesta qualcosa lo prendo in seria considerazione in
quanto oggettivamente con piu esperienza di me in questo settore.
Non voglio fare complimenti a ithost, ma a mio giudizio è uno dei migliori
del newsgroup per professionalità e rapporto sociale con gli altri.
Post by nawfer
questo dire non dire..
io sono newbie nel settore quindi lascio a te scoprire le carte di cooper
:-)
hehe, in questo senso rispetto a ithost, anche io sarei un newbie :)

Cooper.
--
BlueWare Web Agency
[http:] www.blueware.it
[msn:] ***@blueware.it
[icq:] 146781935
Continua a leggere su narkive:
Loading...