Discussione:
Consiglio prossimo step
(troppo vecchio per rispondere)
Massy
2010-07-08 18:21:03 UTC
Permalink
Sto per finire il "ripasso" dell'html "tradizionale" (4.01) fatto con
l'ausilio di questa semplice guida
http://xhtml.html.it/guide/leggi/51/guida-html/
e con un vecchio librone cartaceo: HTML 4 Tutto&Oltre della apogeo di quasi
mille pagine.

Ora non so se mi conviene, come prossimo passo, "evolvermi" "studiando" le
basi dei CSS (su questa miniguida):
http://css.html.it/guide/leggi/2/guida-css-di-base/
oppure XHTML sui quest'altra:
http://xhtml.html.it/guide/leggi/52/guida-xhtml/

Cosa mi consigliate?!

Grazie.
--
Massy
BlueWare WebStudio
2010-07-08 18:26:22 UTC
Permalink
Post by Massy
Sto per finire il "ripasso" dell'html "tradizionale" (4.01) fatto con
l'ausilio di questa semplice guida
http://xhtml.html.it/guide/leggi/51/guida-html/
e con un vecchio librone cartaceo: HTML 4 Tutto&Oltre della apogeo di
quasi mille pagine.
Ora non so se mi conviene, come prossimo passo, "evolvermi" "studiando" le
http://css.html.it/guide/leggi/2/guida-css-di-base/
http://xhtml.html.it/guide/leggi/52/guida-xhtml/
Cosa mi consigliate?!
Tutti e due, uno è complementare dell'altro, css e xhtml camminano insieme.
--
Impastato Marcello
www.blueware.it
Massy
2010-07-08 18:42:07 UTC
Permalink
Post by BlueWare WebStudio
Tutti e due, uno è complementare dell'altro, css e xhtml camminano insieme.
sì, infatti le voglio leggere entrambe!
Chedevo: quale per prima?!?!
BlechIgol
2010-07-08 18:51:30 UTC
Permalink
Post by Massy
Chedevo: quale per prima?!?!
Io SENZA DUBBIO consiglio prima css!

L'xhtml è principalmente un aggiornamento della grammatica dell'html.
Un modo leggermente diverso per fare la stessa cosa che facevi prima!

Mentre con css gestisci la grafica web in maniera più organizzata, più
omogenea, più precisa, più standard.

Per fare un sito moderno dell'xhtml puoi fare a meno, di css no.
BlueWare WebStudio
2010-07-08 20:01:48 UTC
Permalink
Post by BlechIgol
Per fare un sito moderno dell'xhtml puoi fare a meno, di css no.
Spero di aver capito male quello che volevi dire....altrimenti la risposta è
una sola: "ma che stai a di???"
--
Impastato Marcello
www.blueware.it
BlueWare WebStudio
2010-07-08 20:01:48 UTC
Permalink
Post by Massy
Post by BlueWare WebStudio
Tutti e due, uno è complementare dell'altro, css e xhtml camminano insieme.
sì, infatti le voglio leggere entrambe!
Chedevo: quale per prima?!?!
Stai a fare come l'asino di bustafà che mori di fame perchè pur trovandosi
davanti tanta roba da mangiare alla sua destra e alla sua sinistra non
sapeva dove andare a mangiare prima? :) Spero che non vorrai fare la stessa
fine ehehe :)
Cmq scherzi a parte prima impara xhtml e fai pagine solo testuali senza
stili e dopo impari gli stili per formattare la pagina e modellarla come
piace a te.
Io seguirei questo approccio didattico.
--
Impastato Marcello
www.blueware.it
Marco d'Itri
2010-07-08 20:28:13 UTC
Permalink
Post by BlueWare WebStudio
Tutti e due, uno è complementare dell'altro, css e xhtml camminano insieme.
Considerando che XHTML è largamente deprecato, mi sembra una
affermazione forte.
--
ciao,
Marco
BlueWare WebStudio
2010-07-08 20:32:46 UTC
Permalink
Post by Marco d'Itri
Post by BlueWare WebStudio
Tutti e due, uno è complementare dell'altro, css e xhtml camminano insieme.
Considerando che XHTML è largamente deprecato, mi sembra una
affermazione forte.
forse ti riferisci al verbo "camminano". Non posso biasimarti. Ma non
dimentichiamo che per imparare qualcosa bisogna percorrere un certo percorso
propedeutico. Nel contesto si parlava di xthml e css e si chiedeva cosa
leggere per prima.
Per evitare di confondere le idee non ho aggiunto altro, ho semplicemente
consigliato di procedere gradualmente secondo logica; prima partendo
dall'xhtml per impostare i contenuti della pagina e poi proseguendo con css
per dare forma alla pagina.
Poi il resto viene dopo, ma intanto è partito da html 4, facciamo prendere
confidenza con xthml e poi successivamente passerà a html 5.
--
Impastato Marcello
www.blueware.it
Marco d'Itri
2010-07-11 16:47:18 UTC
Permalink
Post by BlueWare WebStudio
Poi il resto viene dopo, ma intanto è partito da html 4, facciamo prendere
confidenza con xthml e poi successivamente passerà a html 5.
Quindi, a maggiore ragione, a cosa dovrebbe servire perdere tempo con
XHTML se pianifichi già di smettere di usarlo dopo?
--
ciao,
Marco
BlueWare WebStudio
2010-07-11 18:57:07 UTC
Permalink
Post by Marco d'Itri
Post by BlueWare WebStudio
Poi il resto viene dopo, ma intanto è partito da html 4, facciamo prendere
confidenza con xthml e poi successivamente passerà a html 5.
Quindi, a maggiore ragione, a cosa dovrebbe servire perdere tempo con
XHTML se pianifichi già di smettere di usarlo dopo?
Per quale ragione, un ragazzo deve fare prima le scuole elementari, poi le
medie, poi le superiori e infine l'università? se già si pianifica di fare
l'università o comunque le scuole superiori? Non si fa prima a fargli fare
la scuola superiore o l'università? Un motivo evidentemente c'è.
Allo stesso modo se devi costruire un palazzo di 10 piani, sapendo che devi
farne 10, perchè non parti subito dal decimo piano anzichè dal piano terra?
Evidentemente per poter costruire il decimo piano devi partire dalle
fondamenta e via via edificare piano dopo piano.
La stessa cosa è qui.
Un percorso formativo completo prevede che si ricalchi in modo più o meno
approfondito dalle origini fino ad arrivare a quello che è adesso.
Anche perchè se lui parte direttamente in html5 e css3, nel momento in cui
capita di doversi scontrare con qualcosa di più datato si troverà perduto.
--
Impastato Marcello
www.blueware.it
Daniele Orlandi
2010-07-11 23:19:43 UTC
Permalink
Post by BlueWare WebStudio
Per quale ragione, un ragazzo deve fare prima le scuole elementari, poi le
medie, poi le superiori e infine l'università?
Che discorso è?

Le varie scuole trattano gli stessi argomenti con un livello di
approfondimento sempre maggiore.

HTML5 non è la versione più approfondita di HTML4, né di XHTML.

È come se a scuola dovessi prima imparare che la terra è piatta, poi che è
rotonda...
Post by BlueWare WebStudio
Allo stesso modo se devi costruire un palazzo di 10 piani, sapendo che
devi farne 10, perchè non parti subito dal decimo piano anzichè dal piano
terra? Evidentemente per poter costruire il decimo piano devi partire
dalle fondamenta e via via edificare piano dopo piano.
La stessa cosa è qui.
No, per niente.

Cosa c'è di propedeutico in imparare HTML4 prima di passare a HTML5?

Nulla, semmai il contrario! C'è tanto da disimparare cercando esempi di
tecnologie vecchie.
Post by BlueWare WebStudio
Anche perchè se lui parte direttamente in html5 e css3, nel momento in cui
capita di doversi scontrare con qualcosa di più datato si troverà perduto.
Ma anche no.
--
Daniele Orlandi つづく
BlueWare WebStudio
2010-07-12 06:59:56 UTC
Permalink
Post by Daniele Orlandi
Le varie scuole trattano gli stessi argomenti con un livello di
approfondimento sempre maggiore.
Falso, alle elementari non parlano di polinomi e monomi o come dividere un
polinomio cosa che invece trattano alle medie; allo stesso modo alle
superiori trattano argomenti come derivate, integrali, studio di funzioni e
via dicendo che alle superiori medie non trattano; allo stesso modo ancora
all'università trattano argomenti di matematica quali geometrie non euclidee
che alle superiori invece neanche ne parlano.
Come vedi non è solo questione di un approfondimento sempre maggiore; ma
soprattutto di argomenti sempre più complessi.
Post by Daniele Orlandi
HTML5 non è la versione più approfondita di HTML4, né di XHTML.
Appunto, non è un approfondimento ma una evoluzione. Per capire come si è
arrivati ad html5 devi passare per gli stati intermedi.
Post by Daniele Orlandi
È come se a scuola dovessi prima imparare che la terra è piatta, poi che è
rotonda...
Però ti hanno detto che prima gli antichi la consideravano piatta poi con le
teorie di tizio caio e martino (adesso non ricorso se era galileo galilei o
un altro) si è scoperti che era tonda, ma per paura che venissero ammazzati
per eresia... tacquero per lungo tempo etc etc etc... Questo te lo hanno
insegnato... non te lo hanno tenuto nascosto.
Post by Daniele Orlandi
Post by BlueWare WebStudio
Allo stesso modo se devi costruire un palazzo di 10 piani, sapendo che
devi farne 10, perchè non parti subito dal decimo piano anzichè dal piano
terra? Evidentemente per poter costruire il decimo piano devi partire
dalle fondamenta e via via edificare piano dopo piano.
La stessa cosa è qui.
No, per niente.
Motiva la tua affermazione.
Post by Daniele Orlandi
Cosa c'è di propedeutico in imparare HTML4 prima di passare a HTML5?
Nulla, semmai il contrario! C'è tanto da disimparare cercando esempi di
tecnologie vecchie.
Imparare le tecnologie vecchie aiuta a prevenire gli errori su quelle nuove;
e al tempo stesso ti prepara ad affrontare quelle che sono le realtà
affrontate con le tecnologie vecchie.
Vedi ad esempio, ci sono tanti utenti che usano ie6, obsoleto diremo noi
oggi ed è vero, ma ci sono ancora, dagli in pasto html5... e vedi il
disastro che ne esce fuori.
Quindi per quello che è un periodo di transizione è bene che il
neo-professionista sia preparato ad affrontare il nuovo conoscendo il
vecchio.
Poi se è solo per una questione di hobby e non professionale, allora puoi
pure fregartene del vecchio e passare al nuovo, ma ti rimane una conoscenza
incompleta.
Post by Daniele Orlandi
Post by BlueWare WebStudio
Anche perchè se lui parte direttamente in html5 e css3, nel momento in cui
capita di doversi scontrare con qualcosa di più datato si troverà perduto.
Ma anche no.
Motiva la tua affermazione.
--
Impastato Marcello
www.blueware.it
Daniele Orlandi
2010-07-12 22:26:50 UTC
Permalink
Post by BlueWare WebStudio
Falso, alle elementari non parlano di polinomi e monomi o come dividere un
polinomio cosa che invece trattano alle medie
L'analogia non è calzante.

È invece come spiegare l'alchimia prima della chimica. I salassi prima della
medicina e così via.
Post by BlueWare WebStudio
Post by Daniele Orlandi
HTML5 non è la versione più approfondita di HTML4, né di XHTML.
Appunto, non è un approfondimento ma una evoluzione. Per capire come si è
arrivati ad html5 devi passare per gli stati intermedi.
È un'evoluzione che ha corretto tanti errori di progetto. Le nuove features
sono marginali in questo.
Post by BlueWare WebStudio
Post by Daniele Orlandi
È come se a scuola dovessi prima imparare che la terra è piatta, poi che
è rotonda...
Però ti hanno detto che prima gli antichi la consideravano piatta poi con
le teorie di tizio caio e martino
Questo è un approfondimento. Prima ti insegno la cosa giusta. Poi ti
racconto la storia.

Ma a un bimbo prima spieghi che la terra è una palla, poi dopo gli dici che
prima credevano che non lo fosse.

Allo stesso modo HTML5 risolve una serie di *errori* concettuali di HTML4 ed
è quindi bene che un neofita si avvicini a quello, almeno per le strutture
di base.
Post by BlueWare WebStudio
Post by Daniele Orlandi
Post by BlueWare WebStudio
Allo stesso modo se devi costruire un palazzo di 10 piani, sapendo che
devi farne 10, perchè non parti subito dal decimo piano anzichè dal
piano terra? Evidentemente per poter costruire il decimo piano devi
partire dalle fondamenta e via via edificare piano dopo piano.
La stessa cosa è qui.
No, per niente.
Motiva la tua affermazione.
HTML5 non è HTML4+estensioni, anche le fondamenta cambiano.
Post by BlueWare WebStudio
Imparare le tecnologie vecchie aiuta a prevenire gli errori su quelle
nuove
Ma se sei neofita, PRIMA impari quelle nuove e POI, solo POI, ti spiego
perché quelle vecchie non andavano bene.
Post by BlueWare WebStudio
Vedi ad esempio, ci sono tanti utenti che usano ie6, obsoleto diremo noi
oggi ed è vero, ma ci sono ancora, dagli in pasto html5... e vedi il
disastro che ne esce fuori.
I workaround sono cose che si imparano DOPO.
Post by BlueWare WebStudio
Quindi per quello che è un periodo di transizione è bene che il
neo-professionista sia preparato ad affrontare il nuovo conoscendo il
vecchio.
Probabilmente sì, ma l'ordine in cui deve imparare è il nuovo e poi i quirks
per farlo funziona con i legacy.

Se impari prima il nuovo ti fai uno schema mentale pulito e consistente, poi
a quello aggiungi i ma e i se.
Post by BlueWare WebStudio
Poi se è solo per una questione di hobby e non professionale, allora puoi
pure fregartene del vecchio e passare al nuovo, ma ti rimane una
conoscenza incompleta.
Non stiamo discutendo su qual è la conoscenza minima, ma su come formarla. E
in questo caso prima si imparano i concetti privi degli errori del passato e
poi si aggiunge il resto.

È un vantaggio del quale un non-neofita purtroppo non può avvalersi.
Post by BlueWare WebStudio
Post by Daniele Orlandi
Post by BlueWare WebStudio
Anche perchè se lui parte direttamente in html5 e css3, nel momento in cui
capita di doversi scontrare con qualcosa di più datato si troverà perduto.
Ma anche no.
Motiva la tua affermazione.
Ma anche no :)
--
Daniele Orlandi つづく
ngw
2010-07-13 01:24:36 UTC
Permalink
Post by Daniele Orlandi
Post by BlueWare WebStudio
Post by Daniele Orlandi
Post by BlueWare WebStudio
Allo stesso modo se devi costruire un palazzo di 10 piani, sapendo che
devi farne 10, perchè non parti subito dal decimo piano anzichè dal
piano terra? Evidentemente per poter costruire il decimo piano devi
partire dalle fondamenta e via via edificare piano dopo piano.
La stessa cosa è qui.
No, per niente.
Motiva la tua affermazione.
HTML5 non è HTML4+estensioni, anche le fondamenta cambiano.
Questo è falso, html5 aggiunge una manciata di elementi e un bel po' di
API che pero' interessano molto di più Javascript che html in se.
Se sai scrivere un documento xhtml decente sai certamente scriverne uno
anche in html5 incontrando molto difficilmente degli elementi
deprecati. Non è vero il contrario.
Se impara html5 ora dovrà anche imparare come implementare strategie di
fallback per i browser che hanno un supporto parziale (possibilissimo,
ma decisamente più diffcile che impararsi xhtml, che diciamolo, è una
cagata), con xhtml vai tranquillo.
Tra 1 anno o 2 forse sarà più furbo imparare html5, adesso non molto, a
meno che non si abbiano esigenze specifiche.

ngw
--
Nicholas Wieland (ngw)
Zooppa CTO
911 Western Avenue, Suite 420
Seattle, WA 98104 US
Daniele Orlandi
2010-07-13 08:49:12 UTC
Permalink
Post by ngw
Questo è falso, html5 aggiunge una manciata di elementi e un bel po' di
API che pero' interessano molto di più Javascript che html in se.
Quello a cui faccio riferimento sono gli attributi di stile (non style=)
deprecati. Una bella ripulitura che toglie la tentazione di mischiare stile
e struttura.
Post by ngw
Se sai scrivere un documento xhtml decente sai certamente scriverne uno
anche in html5 incontrando molto difficilmente degli elementi
deprecati. Non è vero il contrario.
Guarda, non ho studiato le specifiche di HTML5 a sufficienza per fare delle
comparazioni nel dettaglio ma ho l'impressione che la strada XHTML fosse
molto più pulita e didattica.

Per dire, io a un neofita eviterei rigorosamente di citare l'esistenza di b,
i, font & co.

Poi, una volta che ha imparato a farne a meno gli mostro la realtà :(
Post by ngw
Se impara html5 ora dovrà anche imparare come implementare strategie di
fallback per i browser che hanno un supporto parziale (possibilissimo,
ma decisamente più diffcile che impararsi xhtml, che diciamolo, è una
cagata), con xhtml vai tranquillo.
Sono sotanzialmente d'accordo.

Ciao,
--
Daniele Orlandi つづく
ngw
2010-07-13 18:59:29 UTC
Permalink
Post by Daniele Orlandi
Post by ngw
Questo è falso, html5 aggiunge una manciata di elementi e un bel po' di
API che pero' interessano molto di più Javascript che html in se.
Quello a cui faccio riferimento sono gli attributi di stile (non style=)
deprecati. Una bella ripulitura che toglie la tentazione di mischiare stile
e struttura.
Intendi CSS3 ? Se intendi quelli ci sono tonnellate di estensioni
proprietarie (il che è un'ottima idea *per ora*)
Post by Daniele Orlandi
Post by ngw
Se sai scrivere un documento xhtml decente sai certamente scriverne uno
anche in html5 incontrando molto difficilmente degli elementi
deprecati. Non è vero il contrario.
Guarda, non ho studiato le specifiche di HTML5 a sufficienza per fare delle
comparazioni nel dettaglio ma ho l'impressione che la strada XHTML fosse
molto più pulita e didattica.
Assolutamente si. html5 al momento contiene una quantità di tag dalla
semantica molto dubbia, e un po' di tempo fa ho scoperto che il doctype
non è versionato (e su tutti i testi che ho trovato, incluso quello
appena uscito dei pragprog, spacciano il nuovo doctype come "semplice":
nessuno si chiede come sia possibile avere un doctype unversioned ma
avere la version addirittura nel titolo dello standard).
E' in effetti uno standard che non mi piace e che a tratti abbandona la
filosofia del W3C, dopo non aver cagato per anni i microformats che
invece usano il markup per creare elementi composti e machine readable.
Penso di adottarlo se il W3C lo mette a recommendation, ma solo
parzialmente. Poi chi vivrà vedrà.

ngw
--
Nicholas Wieland (ngw)
Zooppa CTO
911 Western Avenue, Suite 420
Seattle, WA 98104 US
BlueWare WebStudio
2010-07-13 19:44:50 UTC
Permalink
Post by ngw
Post by Daniele Orlandi
Post by ngw
Questo è falso, html5 aggiunge una manciata di elementi e un bel po' di
API che pero' interessano molto di più Javascript che html in se.
Quello a cui faccio riferimento sono gli attributi di stile (non style=)
deprecati. Una bella ripulitura che toglie la tentazione di mischiare stile
e struttura.
Intendi CSS3 ? Se intendi quelli ci sono tonnellate di estensioni
proprietarie (il che è un'ottima idea *per ora*)
Post by Daniele Orlandi
Post by ngw
Se sai scrivere un documento xhtml decente sai certamente scriverne uno
anche in html5 incontrando molto difficilmente degli elementi
deprecati. Non è vero il contrario.
Guarda, non ho studiato le specifiche di HTML5 a sufficienza per fare delle
comparazioni nel dettaglio ma ho l'impressione che la strada XHTML fosse
molto più pulita e didattica.
Assolutamente si. html5 al momento contiene una quantità di tag dalla
semantica molto dubbia, e un po' di tempo fa ho scoperto che il doctype
non è versionato (e su tutti i testi che ho trovato, incluso quello appena
uscito dei pragprog, spacciano il nuovo doctype come "semplice": nessuno
si chiede come sia possibile avere un doctype unversioned ma avere la
version addirittura nel titolo dello standard).
E' in effetti uno standard che non mi piace e che a tratti abbandona la
filosofia del W3C, dopo non aver cagato per anni i microformats che invece
usano il markup per creare elementi composti e machine readable.
Penso di adottarlo se il W3C lo mette a recommendation, ma solo
parzialmente. Poi chi vivrà vedrà.
Il problema è la compatibilità verso il basso. Molti ancora usano versioni
di browser datate e che non supportano html5. Prima bisognerebbe ridurre a
una percentuale inferiore al 3% TUTTI I BROWSER DI QUALSIASI VERSIONE privi
del supporto a html5, poi quando tali browser raggiungeranno quella
percentuale insignificante allora si può pensare di adottarlo come standard
di sviluppo, ma prima di allora prevedo che di tempo ne passerà ancora un
bel po'.
--
Impastato Marcello
www.blueware.it
ngw
2010-07-13 19:57:24 UTC
Permalink
Post by BlueWare WebStudio
Post by ngw
Assolutamente si. html5 al momento contiene una quantità di tag dalla
semantica molto dubbia, e un po' di tempo fa ho scoperto che il doctype
non è versionato (e su tutti i testi che ho trovato, incluso quello
nessuno si chiede come sia possibile avere un doctype unversioned ma
avere la version addirittura nel titolo dello standard).
E' in effetti uno standard che non mi piace e che a tratti abbandona la
filosofia del W3C, dopo non aver cagato per anni i microformats che
invece usano il markup per creare elementi composti e machine readable.
Penso di adottarlo se il W3C lo mette a recommendation, ma solo
parzialmente. Poi chi vivrà vedrà.
Il problema è la compatibilità verso il basso. Molti ancora usano
versioni di browser datate e che non supportano html5. Prima
bisognerebbe ridurre a una percentuale inferiore al 3% TUTTI I BROWSER
DI QUALSIASI VERSIONE privi del supporto a html5, poi quando tali
browser raggiungeranno quella percentuale insignificante allora si può
pensare di adottarlo come standard di sviluppo, ma prima di allora
prevedo che di tempo ne passerà ancora un bel po'.
Non è questo il punto cooper, se aspetti che la gente cambi browser
allora usiamo html 4 e css2 per altri 4 o 5 anni.
Il punto è usare in modo intelligente la tecnologia, essendoci un
doctype assolutamente generico che depreca pochissimi elementi si puo'
fare un po di feature sniffing e specialmente far degradare il software
con un po' di testa.

http://articles.sitepoint.com/article/html-5-snapshot-2009

Di articoli così ce ne sono a centinaia (e testi, quello che sto
leggendo ora non è malvagio anche se è in beta).
Poi sono scelte da prendere progetto per progetto, ma se una feature di
html5 è utile per un progetto vedo di usarlo.

ngw
--
Nicholas Wieland (ngw)
Zooppa CTO
911 Western Avenue, Suite 420
Seattle, WA 98104 US
BlueWare WebStudio
2010-07-13 20:04:34 UTC
Permalink
Non è questo il punto cooper, se aspetti che la gente cambi browser allora
usiamo html 4 e css2 per altri 4 o 5 anni.
Infatti, se si facesse affidamento alla gente, avremo noi prima i capelli
bianchi che loro :) Però che le case produttrici aggiornassero i browser
anche precedenti in modo da fornire loro il supporto alle nuove tecnologie
questo si potrebbe fare.
In altre parole, per quanto anti-commerciale potrebbe essere, se ci sono
ancora molti che usano ie5, aggiornare quelle "quattro" dll di ie5 per far
supportare html5... sarebbe già qualcosa. Stesso discorso per tutti gli
altri browser. L'operazione sarebbe del tutto trasparente per l'utente
finale e gioverebbe anche a lui sicuramente.
Del resto se html5 nasce come qualcosa di indipendente da tutte le versioni
precedenti il problema della compatibilità verso il basso non si porrebbe
più.
Ma questo è solo utopistico, almeno per ora.
Il punto è usare in modo intelligente la tecnologia, essendoci un doctype
assolutamente generico che depreca pochissimi elementi si puo' fare un po
di feature sniffing e specialmente far degradare il software con un po' di
testa.
http://articles.sitepoint.com/article/html-5-snapshot-2009
Quoto
Di articoli così ce ne sono a centinaia (e testi, quello che sto leggendo
ora non è malvagio anche se è in beta).
Poi sono scelte da prendere progetto per progetto, ma se una feature di
html5 è utile per un progetto vedo di usarlo.
Ovvio.
--
Impastato Marcello
www.blueware.it
Alessandro Pellizzari
2010-07-14 08:23:57 UTC
Permalink
Post by BlueWare WebStudio
Infatti, se si facesse affidamento alla gente, avremo noi prima i
capelli bianchi che loro :) Però che le case produttrici aggiornassero i
browser anche precedenti in modo da fornire loro il supporto alle nuove
tecnologie questo si potrebbe fare.
Lo fanno tutti tranne Microsoft, per un semplice motivo: la meta` dei
Windows in giro e` pirata (e sono buono con lo share...).

Quando tu aggiorni un XP craccato, quello ti scarica il WGA, che ti mette
un bell'avviso "questo sistema e` craccato" e ti fa venire il panico,
quindi tu formatti e reinstalli e disattivi gli aggiornamenti.

Non ci credo assolutamente che il 30-35% di utenti di PC in tutto il
mondo sono utenti di corporation con politiche di aggiornamento lente del
parco macchine. Direi che questi potrebbero essere un 2-5% al massimo.
Gli altri 30% sono utonti che reinstallano XP sp2 o sp1 perche` hanno il
cd di quello. Il 20% (abbondante) mancante sono quelli che craccano ma si
tengono aggiornati, quindi craccano Vista e 7, ma almeno hanno IE7 e 8.

Quindi o Microsoft toglie i suoi sistemi di protezione o noi "webmaster"
rendiamo la vita difficile ai suoi utenti piratoni. :)

Bye.
Massy
2010-07-14 11:00:35 UTC
Permalink
Alessandro Pellizzari wrote:
[cut]
Post by Alessandro Pellizzari
Quando tu aggiorni un XP craccato, quello ti scarica il WGA, che ti
mette un bell'avviso "questo sistema e` craccato" e ti fa venire il
panico, quindi tu formatti e reinstalli e disattivi gli aggiornamenti.
Non ci credo assolutamente che il 30-35% di utenti di PC in tutto il
mondo sono utenti di corporation con politiche di aggiornamento lente
del parco macchine. Direi che questi potrebbero essere un 2-5% al
massimo. Gli altri 30% sono utonti che reinstallano XP sp2 o sp1
perche` hanno il cd di quello. Il 20% (abbondante) mancante sono
quelli che craccano ma si tengono aggiornati, quindi craccano Vista e
7, ma almeno hanno IE7 e 8.
[cut]

1) secondo me hai trascurato nella statistica la percentuale (secondo me più
alta di quanto si pensi) di quelli che non sono capaci (sic!) ad aggioranre
IE. Mi risponderai: ma è tutto automatico. Fidati: una buona percentuale non
lo installano perchè non sono (pensano di non essere) capaci!

2) ci sono molti con xp crackato che installano tranquillamente *tutti* gli
aggiornamenti senza avere avvisi di sorta!

Andrea
2010-07-13 20:49:34 UTC
Permalink
Post by BlueWare WebStudio
Il problema è la compatibilità verso il basso. Molti ancora usano versioni
di browser datate e che non supportano html5. Prima bisognerebbe ridurre a
una percentuale inferiore al 3% TUTTI I BROWSER DI QUALSIASI VERSIONE privi
del supporto a html5
E' un problema che hai anche oggi senza andare a scomodare html5. Pensa
a quanto ancora rompe i coglioni (a volerseli fare rompere) IE6. Qui
oscilla tra il 7% e il 30% sui siti che controllo, nonostante abbia
visto lapidi con su il suo nome, nonostante MS regalasse un pasto a un
bambino del 3o mondo per ogni IE8 scaricato, , nonostante ogni giorno un
tot di hardware vecchio finisca in discarica morto o dismesso.

Se poi per un progetto mi serve html5 (ne ho uno che richiederà webGL)
pace, gli altri si attaccheranno, se no restiamo al 2001 per sempre, che
magari a qualcuno non dispiace, ma a me dopo un po' diventa noia.
--
MySQL and PHP are popular not because of their quality, but despite it.
Alessandro Pellizzari
2010-07-12 03:26:30 UTC
Permalink
Post by BlueWare WebStudio
Anche perchè se lui parte direttamente in html5 e css3, nel momento in
cui capita di doversi scontrare con qualcosa di più datato si troverà
perduto.
Non sono d'accordo sul paragone col percorso formativo, ma non sono
d'accordo nemmeno con Marco e Daniele.

HTML5 diventera` utilizzabile "tranquillamente" non prima del 2012 per i
dispositivi mobili (iPhone, Android e Meego, ad oggi), e non prima del
2015, piu` probabilmente 2020, per i desktop.

Il problema sono i browser legacy (Explorer 6, 7, 8 su desktop, e i
browser di Blackberry e Symbian su mobile) che difficilmente vengono
aggiornati, mentre Firefox, Chrome, Opera e Safari vengono aggiornati
abbastanza spesso, ma rappresentano una minoranza, anche tutti assieme.

Fortunatamente, conoscendo HTML4, imparare XHTML1 (allo stato di supporto
attuale) si riduce a:

- non usare tag deprecati (frameset, b, i, u, font, ecc.)

- chiudere tutti i tag, compresi quelli standalone (<br> diventa <br />,
<img ... > diventa <img ... />, ecc.) e nidificarli correttamente
(<h1><span>...</span></h1> e non <h1><span>...</h1></span>)

- specificare il doctype corretto (consiglio xhtml1 transitional)

Oltre a questo, il consiglio (mio ma anche di tutti gli esperti del
mondo) e` di separare completamente struttura (nell'html) e presentazione
(nei css).

Questa e` la parte piu` difficile, ma non perche` sia difficile in se`,
quanto piuttosto perche` tutti sono abituati male a usare HTML con editor
visuali.
E soprattutto i grafici sono ormai abituati a fare siti "basati su
dreamweaver", perche` gli htmlisti gli chiedevano modifiche apposite per
semplificarsi il lavoro.

Io lavoro da un paio di mesi con una grafica che viene dal mondo
"cartaceo" e mi sono accorto che in diverse cose e` piu` orientata a css3
che al vecchio sistema. Purtroppo mi tocca tenerla a freno in alcune cose
(tipicamente uso di font alternativi e trasparenze in alpha channel)
finche` ci tocca supportare Explorer 6.
Ma stiamo cercando di abbandonarlo. :)

Bye.
Marco d'Itri
2010-07-13 12:28:38 UTC
Permalink
Post by Alessandro Pellizzari
- non usare tag deprecati (frameset, b, i, u, font, ecc.)
- chiudere tutti i tag, compresi quelli standalone (<br> diventa <br />,
<img ... > diventa <img ... />, ecc.) e nidificarli correttamente
(<h1><span>...</span></h1> e non <h1><span>...</h1></span>)
- specificare il doctype corretto (consiglio xhtml1 transitional)
A questo punto però uno si chiede perché non fare le stesse cose con
HTML 4...
http://tinyurl.com/whyxhtml
Post by Alessandro Pellizzari
Oltre a questo, il consiglio (mio ma anche di tutti gli esperti del
mondo) e` di separare completamente struttura (nell'html) e presentazione
(nei css).
Chiaro, questo è imprescindibile.
--
ciao,
Marco
ngw
2010-07-12 08:22:42 UTC
Permalink
Post by Marco d'Itri
Post by BlueWare WebStudio
Poi il resto viene dopo, ma intanto è partito da html 4, facciamo prendere
confidenza con xthml e poi successivamente passerà a html 5.
Quindi, a maggiore ragione, a cosa dovrebbe servire perdere tempo con
XHTML se pianifichi già di smettere di usarlo dopo?
Perchè (hint! hint!) html5 potrebbe rivelarsi molto semplicemente uno
standard *errato*. :)
Tipo, dalla semantica incerta, dalla filosofia catch *, tipo che il WAI
si incendia il cazzo con l'alcool quando scopre cosa è stato fatto.
Così eh, pour parler.

ngw
--
Nicholas Wieland (ngw)
Zooppa CTO
911 Western Avenue, Suite 420
Seattle, WA 98104 US
s***@codingace.it
2010-07-08 19:52:39 UTC
Permalink
Post by Massy
Sto per finire il "ripasso" dell'html "tradizionale" (4.01) fatto con
l'ausilio di questa semplice guida
http://xhtml.html.it/guide/leggi/51/guida-html/
e con un vecchio librone cartaceo: HTML 4 Tutto&Oltre della apogeo di quasi
mille pagine.
Ora non so se mi conviene, come prossimo passo, "evolvermi" "studiando" le
http://css.html.it/guide/leggi/2/guida-css-di-base/
http://xhtml.html.it/guide/leggi/52/guida-xhtml/
Cosa mi consigliate?!
Grazie.
CSS assolutamente.
Per uno sviluppatore su web imho la strada da seguire è questa

HTML -> CSS -> Javascript / JQuery (o framework complementare) -> PHP o
ASP.NET o altro a seconda della parrocchia... senza dimenticare l'SQL

Poi

Regole per un buon SEO -> Google AdSense / AdWords / Internet Marketing
e tanto, tanto altro... (che di sicuro ho dimenticato)

Se reggi tutto ciò allora ti spetta il premio nobel.. ;)
--
http://www.codingace.it
http://www.linuxace.it
BlueWare WebStudio
2010-07-08 20:01:48 UTC
Permalink
Post by s***@codingace.it
Se reggi tutto ciò allora ti spetta il premio nobel.. ;)
Non lo demotivare... porino
--
Impastato Marcello
www.blueware.it
Loading...